Ordigni rudimentali esplosivi: in rete troppe informazioni

D’Agata riflette sulla facilità di reperire informazioni sulla costruzione di bombe artigianali e mette in guardia dai rischi: arresto in flagranza per strage

Il vile attentato alla scuola di Brindisi al di là del movente e di ogni commento sull’assurdità di un accadimento del genere per Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” non può non far riflettere su una questione annosa e quanto mai d’attualità: la facilità nel reperire informazioni in rete per la fabbricazione di ordigni rudimentali e armi. Non sono rari, infatti, i casi nel mondo di giovani e meno giovani, anche non affiliati ad organizzazioni criminali, che con estrema facilità sono riusciti a reperire on line e poi a costruire bombe artigianali usate per compiere attentati anche di proporzioni devastanti come quello accaduta nella cittadina salentina. La questione della semplicità con cui si riescano a scovare determinate informazioni sul web che spesso hanno carattere scientifico e quindi stretta correlazione con l’ovvia e necessaria circolazione delle idee, pone però dei problemi di ordine pubblico e di sicurezza assolutamente rilevanti che dovrebbero essere affrontati a livello globale, perché è la rete stessa un fenomeno globale che pone oggettive difficoltà sul possibile controllo dei flussi d’informazione specie quelli che riguardano questioni potenzialmente pericolose. In Italia, almeno in astratto la legge ove applicata correttamente è severissima. Va specificato però che se da una parte dare istruzioni per la costruzione di ordigni non costituisce istigazione alla violenza e quindi vera e propria fattispecie di reato, dall’altra provare a fabbricarne uno invece, sì. D’altronde non si può pensare che la Polizia Postale possa avviare una campagna d’indagine da clima di caccia alle streghe andando a bloccare tutti quei forum rinvenibili in rete nei quali si parla di ordigni e loro componenti senza che ci sia la prova o l’indizio di un reato o di un tentativo in tal senso. In compenso, è opportuno che tutti gli internauti sappiano che la sanzione prevista dall’ordinamento per chi prova a costruire un ordigno esplosivo è l'arresto in flagranza con la possibile accusa di strage e le relative conseguenze in termini di pena.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!