Comunisti italiani: tre battaglie tre

In tutti i Comuni in cui è presente il Pdci-Fs proporrà l’abbattimento dell’Imu sulla prima casa; il contrasto all’imposta di bonifica, la rimodulazione dell’Irpef

Tre battaglie. Da portare avanti in tutti i Comuni in cui è preente il simbolo. La scorsa domenica il partito dei Comunisti italiani – federazione della sinistra ha deliberato all’unanimitàle tre battaglie di cui farsi carico in tutti i territori in cui, nei Consigli comunali, vi sia almeno un suo rappresentante. Si tratta dell’abbattimento dell’Imu sulla prima casa; del contrasto all’imposta di bonifica e rimodulazione dei piani dei Consorzi di Bonifica “Arneo” ed “Ugento – Li Foggi” a vantaggio degli agricoltori; della rimodulazione dell’addizionale comunale IRPEF, a carico di lavoratori e pensionati, sulla base di fasce reddituali ben definite. Nella prima misura si chiede ai sindaci e ai Consigli comunali di deliberare l'esenzione dell'Imu sull'abitazione principale e sulle relative pertinenze, riducendo l'aliquota al 2 per mille e aumentando la detrazione fino a concorrenza dell' imposta dovuta. Nella seconda, i comunisti chiedono che sia rimodulato in sede regionale il Piano di Classifica per il riparto delle spese consortili, escludendo dal pagamento della tassa di bonifica tutti quei terreni che non ricevono benefici diretti, in termini di servizi e migliorie ai propri terreni agricoli, secondo recenti sentenze della Corte di Cassazione. Su questo punto il PdCI salentino, preannuncia che, attraverso le proprie sezioni, fornirà ai coltivatori diretti la dovuta assistenza legale gratuita qualora i Consorzi di Bonifica decidessero di emettere a loro carico pesanti cartelle di pagamento. La terza misura affronta la tassazione diretta a carico di lavoratori e pensionati, l’addizionale IRPEF imposta dai comuni tramite regolamento e, in molti casi, applicata con aliquota massima del 7 per mille a queste fasce sociali più deboli. In tutte le sezioni ed i luoghi di lavoro il PdCI – FdS della Provincia di Lecce mobiliterà i suoi militanti ed i propri rappresentanti nei Consigli Comunali per l’adesione e la sottoscrizione di queste richieste.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!