Servizi e tassazione. Incontro da Confindustria

Lecce. Oggi alle 17.30 l’ultimo appuntamento del ciclo “La responsabilità sociale ed economica delle imprese”

LECCE – Servizi ed imposizione fiscale locale saranno al centro dell’ultimo incontro del ciclo di appuntamenti “La responsabilità sociale ed economica delle imprese” avviato da Confindustria Lecce con le Istituzioni territoriali dallo scorso novembre. L’ultimo appuntamento si terrà oggi alle 17.30 presso la sede sociale. In considerazione dell’imminenza di alcune nuove scadenze fiscali, Confindustria Lecce ha inteso invitare l’avv. Maurizio Villani ed i vice presidenti dell’ANCI, Cosimo Durante e Maria Cristina Rizzo per affrontare il tema: “Servizi e imposizione fiscale locale: quali soluzioni?”. “L'attuale fase economica – afferma il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris – caratterizzata da grande incertezza, pone numerosi interrogativi sui tempi entro i quali il Paese riuscirà a raggiungere l’equilibrio finanziario e, quindi, di conseguenza, sugli strumenti e sulle poste su cui agire dal lato delle entrate e da quello delle spese, per aumentare il gettito e favorire il risparmio per le casse pubbliche. L’incisività delle nuove tasse e imposte, sia dirette, sia indirette, è notevole e colpirà in maniera indiscriminata cittadini ed imprese. L’auspicio è che nel più breve tempo possibile si giunga ad una situazione di stabilità tale per intervenire anche sul nostro sistema fiscale che, come ha riferito nella sua prima relazione il presidente di Confindustria Squinzi, è una vera e propria zavorra per il Paese. Di qui la necessità di capire cosa fare a livello locale per venire incontro alle esigenze delle imprese e dei cittadini già vessati dalla crisi, in attesa di riavviare la crescita italiana puntando ad un giusto bilanciamento tra pressione fiscale nazionale e locale, tra incentivi all’offerta ed alla domanda di lavoro, oltre che agli investimenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!