Crisi. Aumentano gli sfratti

Lecce. Nel 2010 in provincia di Lecce gli sfratti esecutivi sono stati 495, il 5,32% in più rispetto all’anno prima

LECCE – Crescono gli sfratti per morosità in Provincia di Lecce. Nel 2010 gli sfratti esecutivi sono stati 495, ovvero il 5,32% in più rispetto al 2009. Un dato che si aggrava ancora di più se si considerano le richieste di esecuzione di sfratto: 943 nel 2010, con un incremento del +7,04% rispetto al 2009. Il Sunia, sindacato nazionale degli inquilini ed affidatari, chiede, a questo punto, di contrastare ancor più efficacemente il mercato nero degli affitti, passando dai controlli sporadici al contrasto quotidiano. “La recente introduzione di sanzioni severe per i contratti non in regola con il fisco ci può aiutare a contrastare più efficacemente l’evasione – dice Mario Vantaggiato, responsabile del settore privato del Sunia – favorendo economicamente e normativamente l’inquilino che denuncia il proprietario evasore. Le sanzioni sono importanti ma non sufficienti. Bisogna intensificare i controlli e introdurre la possibilità per l’inquilino di detrarsi l’affitto pagato dal reddito introducendo, oltre a un giusto ritorno economico, un reale vantaggio a pretendere un contratto in regola con il fisco. Ancora pochi sono i cittadini che hanno denunciato i contratti in nero, convinciamoci che denunciare l’evasione fiscale è un vantaggio per noi e per l’intera collettività. La disciplina in vigore – conclude Vantaggiato – premia l’inquilino che regolarizza il contratto di locazione dell’immobile ad uso abitativo in maniera unilaterale con un abbattimento del canone di locazione mensile che può raggiungere il 90% rispetto a quello versato in nero”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment