Regione Puglia. Patrimonio immobiliare da 400 milioni

Bari. L’assessore Pelillo ha illustrato le strategie della Regione per tagliare i costi e presentato i “gioielli di famiglia”

BARI – Il patrimonio immobiliare della Puglia ammonta a circa 398 milioni di euro. Ed i gioielli di famiglia si chiamano Demanio Forestale, Demanio Armentizio (tratturi), Demanio Ferroviario e Patrimonio immobiliare (terreni e fabbricati). Così li ha presentati ieri l’assessore al Bilancio, Michele Pelillo che ha voluto sottolineare il lavoro immane e certosino compiuto dalla struttura regionale per censire tutti i beni. “Se mi aveste chiesto qualche mese fa, quale fosse la consistenza del nostro patrimonio – ha detto l’assessore – mi avreste messo in difficoltà. Ora non solo lo sappiamo, ma questa informazione è la base da cui parte la valorizzazione di quanto abbiamo.” L’assessore ha citato l’esempio della sede romana, troppo grande e fino a poco fa, anche costosa, nonostante la locazione della parte superflua. Scaduto il contratto d’affitto, quell’area “superflua” è divenuta una foresteria a disposizione dei dirigenti e dei funzionari in missione a Roma per i quali la Regione non dovrà più pagare spese di albergo. In cifre, vuol dire che già in questo 2012, la sede romana produrrà un attivo di 150 mila euro. “Ma più importante ancora – ha assicurato Pelillo – è che abbiamo imboccato una mentalità nuova, quella della nostra piccola, ma significativa ‘spending rewiew’ che fa corrispondere ad ogni mancata uscita, di fatto, un guadagno. Siamo già pronti a portare all’esame della Giunta il rendiconto 2012, dove, finalmente, queste cifre saranno tutte scritte”. Pelillo ha tenuto a precisare che tutta la mole di notizie emerse relativamente al valore del patrimonio regionale è stata anche informatizzata ed è quindi disponibile per chiunque, tramite il portare regionale (www.regione.puglia.it), nella parte dedicata al sistema informativo territoriale. Cliccando su un immobile il sistema rivelerà ogni informazione non solo catastale, ma anche ipotecaria.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!