Imprese, sempre più difficile l’accesso al credito

Lecce. Da gennaio a febbraio i finanziamenti alle attività sono calati di 20 milioni. A farne le spese soprattutto il settore delle costruzioni

LECCE – Calano i prestiti alle imprese salentine. A rilevarlo è l’‘Osservatorio economico – Faro sul credito’ di Confartigianato Imprese Lecce che ha analizzato i dati della Banca d’Italia per monitorare l’andamento dei finanziamenti erogati alle aziende della provincia di Lecce. In particolare, nel mese di febbraio, la dinamica del credito è diminuita dello 0,51 per cento rispetto al mese precedente: da quattro miliardi e 16 milioni di euro concessi a gennaio si passa a tre miliardi e 996 milioni. La variazione negativa è di venti milioni. Guardando ai settori, il comparto dei servizi è sceso dello 0,23 per cento (da due miliardi e 95 milioni a due miliardi e 90 milioni) e il manifatturiero dello 0,05 per cento (da 876 milioni a 875). La maggiore flessione colpisce il settore delle costruzioni: meno 1,61 per cento (da 856 milioni a 843). La “fetta” più cospicua dei finanziamenti (due miliardi e 748 milioni) è andata alle imprese con più di venti addetti, che registrano, però, una contrazione dello 0,78 per cento rispetto al mese precedente. Mentre la restante parte dei prestiti (un miliardo e 247 milioni) va a quelle più piccole, sostanzialmente stabile rispetto a gennaio. Confrontando questi valori su base annua, i finanziamenti sono in aumento, ad eccezione del comparto delle costruzioni (-1,47 per cento). Gli impieghi a febbraio 2011 ammontavano a tre miliardi e 907 milioni. Si tratta di prestiti cosiddetti “vivi”, cioè finanziamenti al netto delle sofferenze e delle operazioni di pronto contro termine. “Questi numeri – spiega Mario Vadrucci, segretario generale di Confartigianato Imprese Lecce – dimostrano, ancora una volta, le grosse difficoltà nell’accesso al credito. Negli ultimi mesi – sottolinea – si è accentuato il fenomeno del ‘credit crunch’ (stretta creditizia). Per giunta, l’incremento dei tassi sul mercato dei titoli di stato ha contagiato il mercato del credito al sistema produttivo: a febbraio il tasso medio del 3,80 per cento pagato dalle imprese sui nuovi finanziamenti è il più alto tra quelli dei maggiori paesi dell’Area euro”. Tra l’Italia e la Germania (il Paese col tasso più basso) si registrava un differenziale di 95 punti base. “Gli interessi pagati dalle imprese – precisa – sono sempre più sganciati dall’Euribor”. La crisi del 2008, infatti, ha innalzato il divario fra i tassi di interesse bancari e l’Euribor a tre mesi che ha oscillato attorno al punto e mezzo percentuale per oltre due anni. A gennaio scorso, è cresciuto, poi, l’indice che misura i criteri applicati dalle banche italiane per l’approvazione di prestiti e l’apertura di linee di credito a favore delle piccole e medie imprese, restringendo, ancora di più, le condizioni di accesso al credito.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!