Consorzi di bonifica. Coldiretti: ‘Hanno un ruolo strategico’

Lecce. Secondo il direttore De Serio sarebbero necessari gli approfondimenti sui piani di classifica ma anche una ristrutturazione organizzativa dei Consorzi

LECCE – “E’ giusto apportare tutte le necessarie modifiche ai piani di classifica, in modo tale da renderli conformi all’oggettiva realtà territoriale dei diversi comuni. Ed è anche sacrosanto rispondere al principio stabilito con i pronunciamenti della Corte di Cassazione a sezioni riunite in base al quale ci deve essere una correlazione diretta tra il contributo di bonifica e i benefici che l’opera di bonifica apporta all’immobile assoggettato a contributo. Ma è altrettanto necessario non far passare il luogo comune che i Consorzi di Bonifica siano degli inutili carrozzoni da cancellare”. E’ questo il punto di vista di Benedetto De Serio, direttore Coldiretti Lecce, il quale aggiunge che sarebbe necessario riaffermare la strategicità di questi enti per il migliore utilizzo dell’acqua e della salvaguardia dei territori in modo più razionale e sostenibile. “Ciò – spiega De Serio – allo scopo di consentire una interazione fra rispetto dei requisiti della condizionalità da parte delle imprese ed azioni a valenza ambientale volte a favorire la diffusione di sistemi irrigui e di regimentazione delle acque coerenti con il bilancio idrico di bacino e lo stato vegetativo delle colture”. De Serio invita a non ignorare il ruolo dei Consorzi di Bonifica per garantire alle imprese agricole di ricevere pagamenti diretti per il “greening” e sfruttare le risorse per gli investimenti nei futuri piani di sviluppo rurale. “In una recente proposta presentata dalla Commissione Europea per lo sviluppo rurale – ha dichiarato il direttore di Coldiretti -, attraverso gli investimenti in infrastrutture irrigue, è richiesta la dimostrazione che da essi derivi un risparmio di almeno il 25% della risorsa idrica; senza il concorso di sistemi collettivi di irrigazione questa dimostrazione non può praticamente essere data. Inoltre, la partecipazione ad enti di irrigazione collettiva e l’efficienza di tali enti sono condizioni essenziali per consentire alle imprese di dimostrare di aver assolto agli obblighi di condizionalità”. Ed è proprio sul recupero di efficienza del sistema consortile che la Coldiretti di Lecce ritiene di doversi concentrare di più. “Concordiamo sul principio che i piani di classifica sono fatti per programmare il futuro e non per sanare il passato, e che in nessun caso è pensabile che i produttori agricoli possano farsi carico, in un momento come questo, di scelte improvvide che hanno contraddistinto la storia dell’ultimo decennio. Ma è anche necessario impegnarsi ad individuare e pianificare la migliore ristrutturazione organizzativa dei consorzi, ridisegnati nei nuovi comprensori di bonifica, valorizzando ogni possibile elemento di razionalità inteso a rendere proporzionale il costo per gli utenti ai benefici ricevuti”. “Se è vero che gli incriminati piani di classifica, così come sono stati proposti, già riducono del 50% la superficie perimetrata – ha aggiunto De Serio -, non vi è alcun dubbio che la macchina organizzativa vada rimodulata in ragione del principio che non è pensabile scaricare sull’utenza costi impropri, riconducibili ad inefficienze di sistema. È, infine, indispensabile che gli agricoltori non rinuncino mai alla necessità di una gestione unitaria del territorio. La stessa cosa è richiesta ai Comuni, diversamente un frazionamento spinto delle competenze produrrebbe solo guasti insanabili al territorio, sia in termini di dotazioni infrastrutturali sia in termini di disattivazione dei principali presidi di salvaguardia ambientale”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!