Attentato di Brindisi. ‘Nessuna prova e nessun colpevole’

Brindisi. I due fratelli rintracciati ieri dalla Procura ed interrogati per tutto il pomeriggio sono stati accompagnati a casa in serata

BRINDISI – Ha lasciato la questura di Brindisi in serata a bordo di un'auto della polizia per tornare a casa la persona condotta negli uffici della polizia ieri pomeriggio per essere ascoltata “come testimone” nell'ambito delle indagini sull'attentato alla scuola. Lo ha spiegato il capo di gabinetto della Questura di Brindisi, Anna Palmisano. Non c'è stata, dunque, alcuna svolta nelle indagini, come invece inizialmente si era supposto. “Né ci sarà nelle prossime ore”, ha aggiunto la dirigente di polizia che ha parlato di “situazione fluida” e di lavoro “su vari fronti”. Nei confronti dell'uomo rintracciato dagli inquirenti e del fratello non ci sarebbero dunque, allo stato, elementi che possano ricondurre le loro figure all'attentato alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi. L'inchiesta intanto passata alla Dda di Lecce che ipotizza il reato di strage con finalità di terrorismo. 21 maggio 2012 Attentato. Preso il presunto attentatore BRINDISI – Si troverebbe sotto torchio nella Questura di Brindisi l’uomo che è considerato dagli inquirenti il responsabile dell’attentato di sabato scorso alla scuola Marvillo Falcone di Brindisi. Non ci sono ancora conferme ufficiali, ma pare che l’uomo che al momento sta rispondendo alle domande degli inquirenti sia proprio il presunto attentatore, ovvero la persona ripresa dalle telecamere poste sul chioschetto di bibite e panini di fronte alla scuola. Da precisare, tuttavia, che al momento non ci sono né fermi né arresti da parte della Procura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!