Edotto, la sanità pugliese in un portale

Roma. Presentato al Forum PA l’innovativo sistema progettato con il supporto di InnovaPuglia e realizzato da Svimservice in raggruppamento con Almaviva e Consis

ROMA – Si compie la svolta digitale del servizio sanitario pugliese: da fine anno i cittadini potranno usufruire delle opportunità offerte dal portale regionale della salute. Si potrà così scegliere e cambiare on line il medico di famiglia, o individuare la struttura che eroga la prestazione sanitaria desiderata. Una rivoluzione, frutto del nuovo sistema informativo sanitario ‘Edotto’, presentato ieri a Roma nello spazio espositivo della Regione Puglia nel Forum della Pubblica Amministrazione. Una rivoluzione che per compiersi ha bisogno di strumenti, evoluti ed integrati, a supporto delle attività di gestione, programmazione e monitoraggio. Un sistema complesso e innovativo, attorno a cui ruotano tutti gli altri sistemi di sanità elettronica. ‘Edotto’ entrerà a regime a giugno 2012 e consentirà di ‘riporre in soffitta’ l’attuale sistema, attivo dal 2000. In questi giorni sta terminando la fase di addestramento di 13.500 operatori della sanità pugliese (tra utenti dell’assessorato, dell’Agenzia regionale sanitaria, professionisti delle aziende sanitarie e di tutte le altre strutture pubbliche e private) iniziata a febbraio. Con l’entrata e regime di ‘Edotto’ la sanità pugliese diventerà più governabile e più trasparente, come auspicato all’avvio della fase preliminare dall’assessore regionale alle Politiche della Salute, Ettore Attolini. Auspici che diventano realtà. “Da subito – ha spiegato a Roma il responsabile del progetto, Nehludoff Albano, partecipando all’incontro su “Il tacco digitale” – ci saranno vantaggi per la Regione che potrà operare al meglio conoscendo in maniera dettagliata lo stato dell’offerta, del funzionamento e delle prestazioni rese. E ci saranno, ad avvenuta integrazione di tutti i sistemi di sanità elettronica, anche maggiori vantaggi per i cittadini, con un miglioramento dei livelli di assistenza”. “Edotto” metterà in rete anche le anagrafi uniche regionali (ad esempio, per gli screening, le vaccinazioni, le attività epidemiologiche, ecc). La svolta digitale del servizio sanitario della Regione Puglia coinvolge sei Asl, due aziende ospedaliero-universitarie, due istituti di ricovero a carattere scientifico pubblici, quattro Irccs privati ed Enti ecclesiastici, 700 strutture private accreditate, 4.000 medici di Medicina generale e pediatri, ed un totale di 4.089.000 assistiti. “Edotto” è stato progettato con il supporto della società in house InnovaPuglia e realizzato da Svimservice – società del Gruppo Exprivia – in raggruppamento con Almaviva e Consis.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!