Edotto, la sanità pugliese in un portale

Roma. Presentato al Forum PA l’innovativo sistema progettato con il supporto di InnovaPuglia e realizzato da Svimservice in raggruppamento con Almaviva e Consis

ROMA – Si compie la svolta digitale del servizio sanitario pugliese: da fine anno i cittadini potranno usufruire delle opportunità offerte dal portale regionale della salute. Si potrà così scegliere e cambiare on line il medico di famiglia, o individuare la struttura che eroga la prestazione sanitaria desiderata. Una rivoluzione, frutto del nuovo sistema informativo sanitario ‘Edotto’, presentato ieri a Roma nello spazio espositivo della Regione Puglia nel Forum della Pubblica Amministrazione. Una rivoluzione che per compiersi ha bisogno di strumenti, evoluti ed integrati, a supporto delle attività di gestione, programmazione e monitoraggio. Un sistema complesso e innovativo, attorno a cui ruotano tutti gli altri sistemi di sanità elettronica. ‘Edotto’ entrerà a regime a giugno 2012 e consentirà di ‘riporre in soffitta’ l’attuale sistema, attivo dal 2000. In questi giorni sta terminando la fase di addestramento di 13.500 operatori della sanità pugliese (tra utenti dell’assessorato, dell’Agenzia regionale sanitaria, professionisti delle aziende sanitarie e di tutte le altre strutture pubbliche e private) iniziata a febbraio. Con l’entrata e regime di ‘Edotto’ la sanità pugliese diventerà più governabile e più trasparente, come auspicato all’avvio della fase preliminare dall’assessore regionale alle Politiche della Salute, Ettore Attolini. Auspici che diventano realtà. “Da subito – ha spiegato a Roma il responsabile del progetto, Nehludoff Albano, partecipando all’incontro su “Il tacco digitale” – ci saranno vantaggi per la Regione che potrà operare al meglio conoscendo in maniera dettagliata lo stato dell’offerta, del funzionamento e delle prestazioni rese. E ci saranno, ad avvenuta integrazione di tutti i sistemi di sanità elettronica, anche maggiori vantaggi per i cittadini, con un miglioramento dei livelli di assistenza”. “Edotto” metterà in rete anche le anagrafi uniche regionali (ad esempio, per gli screening, le vaccinazioni, le attività epidemiologiche, ecc). La svolta digitale del servizio sanitario della Regione Puglia coinvolge sei Asl, due aziende ospedaliero-universitarie, due istituti di ricovero a carattere scientifico pubblici, quattro Irccs privati ed Enti ecclesiastici, 700 strutture private accreditate, 4.000 medici di Medicina generale e pediatri, ed un totale di 4.089.000 assistiti. “Edotto” è stato progettato con il supporto della società in house InnovaPuglia e realizzato da Svimservice – società del Gruppo Exprivia – in raggruppamento con Almaviva e Consis.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!