Legalità e imprese. Confindustria incontra il questore Carella

Lecce. Nuovo appuntamento con il ciclo di incontri tra industriali ed istituzioni del territorio

LECCE – Praticare la legalità nel mondo delle imprese, contrastando usura ed estorsioni. Si discuterà di questo, nel pomeriggio di oggi, in occasione dell’incontro che avrà luogo (con inizio alle ore 17) presso la sede di Confindustria tra imprenditori ed il questore Vincenzo Carella. Continua, dunque, il ciclo di incontri avviato in novembre, tra l’associazione degli industriali e le principali istituzioni del territorio, con l’obiettivo di rimettere al centro l’impresa e valorizzarne il ruolo ed il valore sociale. Il tema dell’appuntamento di oggi è “Cultura della legalità nel mondo delle imprese. Contrasto ai fenomeni di usura ed estorsioni”. “Solo partendo da un’azione sinergica tra istituzioni pubbliche, cittadini, imprese e rappresentanze economiche territoriali – ha spiegato il presidente di Confindustria Lecce, Piernicola Leone de Castris – è possibile rinsaldare quel percorso comune che ci vede affermare ogni giorno la cultura della legalità e della trasparenza nella nostra società. La tutela della legalità, infatti, costituisce una condizione imprescindibile per lo sviluppo economico, sociale e civile di qualunque territorio. Tanto più che nell’attuale fase di crisi economica, occorre prevenire il rischio della nascita o dell’incremento di attività colluse con fenomeni criminali. E’ perciò prioritario mantenere salda la collaborazione con le Forze dell’Ordine che, con il loro impegno e il loro lavoro, contribuiscono ad elevare il livello di legalità e a garantire a tutti gli operatori il regolare svolgimento delle attività economiche”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!