Ospedale ed Area Vasta. Stefano: ‘Ecco la verità’

Casarano. Il candidato del Pdl interviene per smentire quelle che definisce le “accuse di un centrosinistra ormai allo sbando”

CASARANO – Due sarebbero i punti principali da chiarire, un questa campagna elettorale. E si riferiscono a due temi che stanno molto a cuore ai casaranesi e che il centrosinistra avrebbe utilizzato per confondere le carte in tavola. Li indica Gianni Stefano, il candidato sindaco del centrodestra: l’ospedale ed Area Vasta. Quanto al presunto smantellamento dell’ospedale “Francesco Ferrari”, il centrodestra non l'avrebbe affatto accettato supinamente dall'alto senza minima opposizione. Sarebbe stata invece la Regione a deliberare la costruzione ex novo di quattro nuovi ospedali che potrebbero pertanto sorgere a discapito anche del Ferrari. “Una cosa è certa – dice Stefano -: io, il mio partito e la coalizione che mi sostiene saremo in prima linea per evitare il progressivo svuotamento del “Ferrari” e per restituire al nosocomio cittadino la centralità che merita. Anche perché, se il “Ferrari” dovesse essere ridimensionato, si lascerebbe colpevolmente sguarnito, dal punto di vista sanitario-ospedaliero, l’intero arco jonico-salentino, con conseguenze estremamente negative per la popolazione del territorio che vedrebbero calpestato il loro sacrosanto diritto alla salute”. Quanto al punto due, ovvero lo “spostamento” del cuore di Area Vasta a Maglie, secondo Stefano la notizia sarebbe falsa e nessuno avrebbe mai predisposto un tale “trasloco”. “Il bando di gara della Misura 1.5 – dice – relativo alla informatizzazione degli Enti Locali non rappresenta alcun tentativo, peraltro inesistente, di trasferire Area Vasta né a Maglie né in nessun altro comune che non sia quello di Casarano dove opera e continuerà ad operare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment