Alla Casa Bianca, olio salentino

Lecce. L’antico ulivo “La Regina” è stato donato alla First Lady degli Stati Uniti Michelle Obama per il suo impegno ad incoraggiare un sano stile di vita

LECCE – “La Regina”, un antichissimo e prezioso albero d’ulivo monumentale che “vive” nel Salento verrà assegnato e “adottato” dalla First Lady degli Stati Uniti Michelle Obama. E’ questa l’iniziativa che nasce dalla Provincia di Lecce (in particolare dall’assessorato all’Agricoltura), in accordo con Ines Maria Antonucci, proprietaria del terreno che ospita la maestosa pianta, e in collaborazione con l’Istituto Tecnico “Costa” di Lecce, promotore del progetto “Dieta Med-Italiana”, la Camera di commercio, la Coldiretti di Lecce e la Cooperativa Sant’Anna di Vernole, azienda produttrice dell’olio ricavato dall’albero. L’assegnazione è motivata dalla considerazione dell’impegno con cui la moglie del presidente Usa, negli ultimi anni, ha incoraggiato le famiglie americane e, in particolare, i bambini, a seguire uno stile di vita più sano, basato sui concetti fondamentali della dieta mediterranea, che prevedono sia una corretta alimentazione, che una maggiore attività fisica. Oltre all’aspetto simbolico dell’assegnazione, anche l’olio extravergine d’oliva che l’albero produrrà sarà della famiglia Obama e sarà inviato alla Casa Bianca. “La Regina” può arrivare a produrre fino a 6 quintali di olive, capaci di trasformarsi in un massimo di 100 kg di olio extravergine d’oliva. Nei giorni scorsi il presidente Antonio Gabellone, insieme all’assessore provinciale all’Agricoltura Francesco Pacella, ha inviato direttamente alla First Lady Michelle Obama, presso la sua residenza alla Casa Bianca a Washington e, per conoscenza, all’ambasciatore Usa in Italia David Thorne, una comunicazione ufficiale relativa al prestigioso riconoscimento.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!