Torna a Lecce la giornata internazionale contro l’omofobia

Lecce. Per il secondo anno Agedo Lecce organizza un'iniziativa animata da dibattiti, testimonianze e uno spettacolo per dire no ai pregiudizi

LECCE – Per il secondo anno di fila, la città di Lecce celebra la Giornata internazionale contro l’omofobia indetta dal Parlamento europeo nella Risoluzione sull’omofobia in Europa del 26 aprile 2007. Nel capoluogo salentino la giornata, che cade il 17 maggio, è organizzata da Agedo Lecce (Associazione genitori, parenti e amici di persone omosessuali), con la collaborazione del CSV Salento e del Comune di Lecce, assessorato alle Politiche di genere. “Liberiamo le differenze II edizione”, è il significativo messaggio con cui l'associazione attiva dal 2010 vuole animare la città, proponendo una iniziativa di cultura, di riflessione, di sensibilizzazione, di informazione e di confronto sul tema del valore delle differenze minacciato da pregiudizi e da discriminazioni. Dopo l'innovativo esperimento dell'anno scorso, che ha sollecitato altre organizzazioni a celebrare anche in Puglia la Giornata internazionale contro l'omofobia, l'iniziativa di quest'anno sarà arricchita da testimonianze, dibattiti e uno spettacolo in forma di reading. Alla conferenza stampa di presentazione che si terrà domani alle 11.30 nella sede del Centro servizi volontariato Salento a Lecce interverranno GianFranca Saracino, presidente di Agedo Lecce, Nunzia Brandi, assessore alla Politiche di genere del Comune di Lecce, Serenella Pascali, Ufficio stampa CSV Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment