Bandiere Blu. Buccoliero: ‘Un incoraggiamento per il territorio’

Lecce. Il plauso particolare del consigliere regionale va a Castro, che avrebbe saputo rialzarsi dopo il difficile periodo del crollo

LECCE – Le sette bandiere blu assegnate al Salento, di cui quattro alla provincia leccese, rappresentano un riconoscimento importante, che deve incoraggiare il lavoro e l’entusiasmo di tutto un territorio. È il punto di vista del consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, che interviene sull’ambito riconoscimento assegnato al mare di Otranto, Melendugno, Salve e Castro, per la provincia di Lecce, Ostuni e Fasano, per il territorio brindisino, e Marina di Ginosa per quello tarantino. “Un plauso particolare – prosegue Buccoliero – va alle comunità di Otranto, Salve, Castro e Melendugno, che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento non solo per il mare pulito, ma anche per i servizi e l’accoglienza. Un riconoscimento che premia, in maniera particolare, la comunità di Castro, che esce da un periodo critico, dopo il crollo di una parte della sua famosa piazzetta. Questi riconoscimenti, che proiettano i nostri bellissimi territori sulla scena nazionale, devono rappresentare uno sprone a fare sempre di più e sempre meglio non solo per quelle comunità che si sono aggiudicate l’ambito vessillo, ma anche e soprattutto per tutte quelle chiamate a migliorare i propri servizi e uno sviluppo ecocompatibile, che vada realmente a vantaggio di tutti e non di pochi eletti. Ci sono amministrazioni comunali, e l’assegnazione delle bandiere blu lo dimostra, che lavorano in un’ottica di complessiva crescita del territorio. Un ulteriore esempio – conclude Buccoliero – di come il nostro territorio possa recitare un ruolo importante nel panorama regionale e nazionale, puntando, anche in un periodi di crisi economica, su qualità, impegno comune e rispetto dell’ambiente”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!