‘Atteggiamenti scorretti’. Il Pdl: ‘De Marco denunci apertamente’

Casarano. De Marco ha riferito di comportamenti poco leciti assunti dal centrodestra. Che ora lo invita a formalizzare la denuncia

CASARANO – “Attilio De Marco formalizzi le denunce relative agli atteggiamenti poco leciti che il Pdl avrebbe assunto in campagna elettorale”. Il Pdl di Casarano, che sostiene il candidato Gianni Stefano, chiede a De Marco di passare ai fatti e di denunciare, se ne ha le prove, quei comportamenti di cui ha riferito ai cittadini. “Attilio De Marco, nel maldestro tentativo di giustificare ai casaranesi (se mai ce ne fosse bisogno) il risultato elettorale suo e della sua coalizione – si legge in una nota del Pdl -, ha ritenuto di attribuire il calo di consensi a cause esterne affermando che non meglio identificati soggetti della coalizione di centro destra (facente capo a Gianni Stefano) avrebbero approfittato della necessità e dei bisogni della gente per ottenere voti, accompagnando le parole con eloquenti gesti, ed ancora che avrebbero dato cose materiali per avere i voti”. L’invito dello schieramento a sostegno di Stefano è dunque a “presentarsi immediatamente presso la Caserma dei carabinieri di Casarano per sporgere la doverosa denuncia per quei gravi comportamenti cui ha fatto riferimento, sollecitandolo a fare nomi e cognomi di coloro ai quali si riferiva, contribuendo ad eliminare comportamenti illeciti ed assumendosi così la responsabilità per ciò che ha detto”. “Se così non fosse – conclude la nota -, si dovrà prendere atto della gratuità delle pesanti accuse mosse da quel candidato e conseguentemente si dovrà segnalare la circostanza come l’ennesimo becero tentativo di gettare discredito sui concorrenti politici, utilizzando metodi fuori da ogni civiltà, è veramente censurabile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment