Illeciti edilizi. Tre denunce in tre Comuni

Gallipoli. Costruzioni e lavori eseguiti in difformità rispetto ai permessi. Operazioni dei carabinieri ad Aradeo, Galatina e Alezio

GALLIPOLI – L’operazione è durata due giorni ed ha portato alla denuncia in stato di libertà di tre persone. L’hanno condotta i carabinieri di Gallipoli nei Comuni di propria pertinenza. Obiettivo: contrastare gli illeciti urbanistici e prevenire i reati di natura ambientale. Ad Aradeo, i militari della locale Stazione, assieme a personale dell’Ufficio Tecnico comunale, su segnalazione contenuta in un esposto anonimo, hanno sottoposto a controllo un’azienda del posto, verificando la veridicità di quanto dichiarato nella denuncia. I militari hanno infatti constatato che il proprietario aveva realizzato nel tempo vari capannoni industriali, per circa 5mila metri quadri, nonché pavimentazione in cemento armato, per altri 10mila metri quadri, il tutto senza licenza da parte dell’Ufficio urbanistico comunale. Tutta l’area è stata sottoposta a sequestro e il responsabile dell’abusivismo edilizio denunciato. A Galatina, carabinieri e dipendenti dell’Ufficio tecnico comunale hanno denunciato in stato di libertà un 44enne del posto, per violazione del testo unico sull’edilizia. Nel ristrutturare un immobile di 416 metri quadri da destinare a capannone, ancora allo stato rustico, l’uomo aveva eseguito lavori in difformità rispetto alla licenza rilasciata dall’Ufficio Urbanistico del Comune di quel Centro (la difformità riguardava principalmente l’altezza del capannone). Anche in questo caso, l’immobile è stato sequestrato. Anche ad Alezio, i carabinieri sono intervenuti in seguito ad un esposto anonimo. Anchein questo caso la segnalazione ha trovato conferma. I militari hanno infatti denunciato in stato di libertà un 70enne del posto, in quanto, presso la propria abitazione, aveva fatto eseguire interventi edilizi inerenti ed una tettoia, in difformità rispetto alle autorizzazioni ottenute dal Comune. La tettoia è stata sottoposta a sequestro.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!