B&b. Ok della Puglia al nuovo disegno di legge

Bari. Il nuovo testo distingue tra b&b a conduzione familiare e b&b in forma imprenditoriale

BARI – Quattro camere al massimo per un totale di nove posti letto in una sola unità immobiliare tranne che nei centri storici. E’ questa una delle novità introdotte dal disegno di legge sui b&b approvato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale su proposta dell'assessora al Turismo Silvia Godelli. Il nuovo testo, che sostituisce quello approvato in Giunta alcuni mesi fa, tiene conto della sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato alcuni articoli del Codice del Turismo, e modifica e completa per molti aspetti il precedente disegno di legge, tenendo conto anche del confronto nel frattempo sviluppatosi nei diversi territori della Regione. L'attuale testo, che sarà subito assegnato alla IV Commissione consiliare dove verranno organizzate le audizioni, prevede che i b&b a conduzione familiare possano essere dotati di massimo quattro camere e nove posti letto concentrati in una sola unità immobiliare tranne che nei centri storici e nei borghi storici o rurali; possano fare pubblicità senza alcun vincolo; comportino l'obbligo di dimora per il proprietario durante il periodo di apertura; possano fornire colazioni con prodotti tipici e non preconfezionati. Il disegno di legge norma anche i b&b in forma imprenditoriale, che potranno essere dotati di massimo otto camere e 20 posti letto, anche dislocati in più unità immobiliari purché distanti tra loro non più di 500 metri. I b&b imprenditoriali dovranno iscriversi alla sezione speciale del Registro delle Imprese, fruendo delle previste agevolazioni fiscali. Il disegno di legge prevede infine che la Regione adotti per i b&b un apposito marchio, denominato “Puglia Ospitale”, quale garanzia di qualità per questo peculiare segmento ricettivo, molto gradito ai turisti ma che necessita di una regolamentazione molto rigorosa e di un’attenta attività di vigilanza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment