Lavoro nero nell’azienda edile

Copertino. La Guardia di finanza ha scoperto tre lavoratori mai assunti

COPERTINO – Tre lavoratori totalmente in nero in un’azienda edile. E’ la scoperta effettuata dai finanzieri della Brigata di Porto Cesareo dopo una verifica fiscale nei confronti dell’azienda. L’operazione è stata condotta attraverso l’ascolto/intervista dei lavoratori individuati il giorno in cui è iniziata la verifica; successivamente i militari hanno comparato le notizie apprese con la documentazione extra contabile (cartellini di presenza giornaliera) rinvenuta nell’ufficio amministrativo dell’azienda, per appurare l’effettiva data di assunzione, le reali mansioni svolte nonché l’orario di lavoro giornaliero prestato da ogni dipendente. Le violazioni constatate comportano per ogni singolo lavoratore non regolarmente assunto, una sanzione che può variare da 1.500 a 12mila euro, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo, più un eventuale provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. In merito agli aspetti di carattere previdenziale ed assicurativo è stata inoltrata specifica segnalazione agli uffici competenti. L’operazione è scattata in seguito ad una segnalazione al 117.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!