Gli rifiutano l’offerta ‘volontaria’. Aggrediti con calci e pugni

Lecce. Il responsabile della rissa è stato denunciato a piede libero

LECCE – Offerta volontaria, si fa per dire. Perché ai due automobilisti che si sono rifiutati di versare l’obolo richiesto, il 31enne S.F., ha riservato un trattamento tutt’altro che pacifico che è costato una denuncia a piede libero per lesioni volontarie gravi. L’episodio è accaduto a Lecce in viale Oronzo Quarta, nei pressi della stazione. Agli agenti di polizia intervenuti sul posto, i due automobilisti hanno riferito di aver parcheggiato lì la propria auto attorno alle 19; ad un certo punto si sarebbe avvicinato loro il 31enne che, in modi anche piuttosto insistenti, avrebbe chiesto un’offerta volontaria. E al “no”, sarebbe andato su tutte le furie, offendendo e colpendo uno dei due alle spalle con calci alla gamba sinistra e alla mano destra. Anche l’altro automobilista, durante la rissa, è rimasto colpito, con un pugno sull’arcata sopraccigliare. Il personale del 118 ha accompagnato uno dei due feriti presso l’ospedale di Copertino, dove i medici hanno riscontrato un “trauma cranico lieve” con “contusione escoriata dell'arcata orbitaria sinistra” guaribili in cinque giorni. 25 giorni serviranno invece all’altro malcapitato per tornare in forma: ha riportato una frattura alla mano destra.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!