Mai più senza 50&50

Sogliano Cavour. A Sogliano tutti in piazza per la doppia preferenza

Il comune di Sogliano Cavour dice sì alla doppia preferenza di genere. Oggi in piazza Caduti, allestisce un point di raccolta firme per la presentazione della proposta di legge regionale 50e50. La proposta di legge di iniziativa popolare, voluta dal Comitato regionale promotore, porterebbe ad un cambiamento sostanziale nelle modalità di voto delle prossime regionali, sicuramente a favore di una più equa rappresentanza politica dei due sessi. Secondo la proposta di legge, in ogni lista nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 50%, pena l’esclusione e, inoltre, se si esprimono due preferenze, queste non possono riferirsi a candidate/i dello stesso sesso. Non solo. Anche in tutti i programmi di comunicazione politica deve essere assicurata la presenza paritaria di candidate/i di entrambi in sessi e nei messaggi autogestiti deve essere messa in risalto con pari evidenza la presenza di candidate/i di entrambi i sessi nella lista presentata dal soggetto politico che realizza il messaggio. “Si tratta di novità rilevanti che, se si verificheranno, cambieranno notevolmente lo scenario politico a livello regionale e, successivamente, mi auguro a tutti i livelli”, commenta l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Sogliano Cavour, Maria Grazia Manco, promotrice della raccolta firme nel suo Comune. “Quello di domenica è un appuntamento importantissimo e si inserisce nell’ambito delle iniziative che questa amministrazione vuole attuare a favore di una effettiva parità tra i sessi: abbiamo già pronta per l’approvazione una delibera di giunta in cui tutta la maggioranza dichiara di condividere il progetto di modifica della legge regionale. Inoltre, presenteremo al prossimo Consiglio Comunale – che si svolgerà il 3 maggio p.v. – il Regolamento per la costituzione della Commissione Pari Opportunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!