Calamari ripieni

Una ricetta di pesce per godere al meglio del ponte del primo maggio

// Ingredienti Calamari Cipolla Prezzemolo Aglio Pan grattato Capperi Olive bianche Parmigiano grattugiato Acciughe Rucola Mentuccia Pomodoro pelato Vino bianco // Preparazione Innanzitutto è necessario pulire i calamari. Si scelgano abbastanza grossi perché in fase di cottura perderanno tanto volume. Non si abbia paura di scegliere pezzi grandi e di farne parecchi, vi assicuro che voleranno via dal tavolo. Prima di tutto si tolgano i tentacoli, si puliscano e si tengano da parte; si tolga poi la penna interna e la pellicola invisibile che ricopre i calamari. Si prepari una miscela con i tentacoli di calamari tritati, una cipolla, prezzemolo, un po’ di aglio e pan grattato. S’aggiungano sale e pepe al vostro gusto. Si aggiungano poi alcuni capperi, alcune olive bianche tagliate a pezzettini ed un sospiro di parmigiano grattugiato. Poi si aggiunga un po’ di pangrattato speziato e frullato con prezzemolo, mentuccia, una paio di acciughine e poca rucola Si riempiano i calamari con l’impasto preparato e si chiudano con uno stecchino. Si mettano i calamari in padella antiaderente con olio d’oliva e si faccia prendere loro una tonalità tostata, si uniscano dei filetti di pomodoro pelato senza sugo, poi si sfumino col vino bianco. Si uniscano due foglie di alloro, si uniscano due mestoli di acqua bollente; si regolino di sale e si spolverino con pepe nero, si tengano sul fornello fino a cottura avvenuta. Diventano ancora più saporiti se preparati la sera prima per il giorno successivo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!