25 aprile: ‘Non dimentichiamo i nostri eroi’

Lizzanello. L’associazione ‘Storia futura’ domani distribuirà volantini commemorativi dei cinque partigiani del posto morti per difendere la libertà

LIZZANELLO – E’ nei momenti difficili che si comprende il valore della memoria. Il ricordo di passate gesta e la riscoperta di principi ai quali restare ancorati per non cadere, sono spesso le armi contro la disfatta. Su quei principi e sui quei valori bisogna far leva per andare avanti. Storia futura Così l’associazione “Storia futura” di Casarano, con laboratori civici in diversi paesi del Salento tra cui Lizzanello, ha intrapreso un’attività di sensibilizzazione verso i valori del passato. Sono incarnati, in questo caso, nelle cinque figure dei partigiani del posto, che persero la vita per difendere la libertà dal nazi-fascismo, Giovanni Bruno (26-10-1911), Pietrantonio Giovannico (3-5-1917), Vittorio Cesario Mazzeo (17-3-1914), Raffaele Santoro (2-5-1911) e Giusto Lorenzo Visti (24-8-1910). Alla loro memoria è dedicata la targa affissa sul muro del Municipio dall’88. A loro riporta la piazza principale del paese, piazza Libertà; alla loro impresa da eroi, condotta per il bene di tutti. Peccato che quella memoria oggi sia messa a rischio. E’ in discussione in Commissione Lavori pubblici – Urbanistica, infatti, la proposta di rinominare alcune strade ed alcune piazze cittadine. E tra queste anche piazza Libertà, che si vorrebbe intitolare a don Alfonso Cannoletta, ex parroco di Lizzanello. Che ne sarebbe, del ricordo della lotta condotta dai cinque partigiani? Per non dimenticare la loro attività, “Storia futura” domani distribuirà volantini commemorativi dei cinque eroi di Lizzanello. All’iniziativa parteciperanno anche diversi gruppi politici ed altre associazioni cittadine, circa dieci. L’obiettivo è aiutare a non dimenticare i valori fondanti del Paese. A prescindere dal nome di una piazza.

Lizzanello manifesto

Il manifesto a difesa della piazza già affisso sui muri comunali

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!