Caggiula: ‘Stefano, assente ingiustificato al confronto del Tacco’

Casarano. Il coordinatore cittadino dell’Idv attacca il candidato del Pdl per la sua assenza al dibattito organizzato dal “Tacco”

CASARANO – Il confronto pubblico tra i candidati sindaco di Casarano organizzato dal Tacco d’Italia lo scorso sabato nel chiostro comunale, non smette di sollevare polemica. Dopo la rivelazione inaspettata di Attilio De Marco, che ai cittadini ha dimostrato come il programma del candidato del Pdl Gianni Stefano sia un “copia e incolla” di programmi di altri candidati in altri territori italiani, Piergiorgio Caggiula, coordinatore cittadino circolo IdV, interviene sull’assenza dello stesso Stefano al dibattito. “Inutile metterlo in dubbio. Chi fa parte di un partito che della democrazia e del confronto si è fatto beffe per 20 anni non può pensare di disegnarsi in maniera diversa – dice Caggiula -. Chi fa parte di un partito che ha immaginato il dibattito politico come un’appendice scomoda non può mettersi in bocca parole come democrazia e rispetto dei cittadini. L’assenza ingiustificata del candidato del Pdl al confronto tra gli aspiranti sindaci, organizzato in maniera esemplare da ‘Il Tacco d’Italia’ presso il chiostro comunale, altro non è che la prova provata che il rispetto dei diritti elementari dei cittadini, che la dialettica, elemento basilare di una campagna elettorale per poter giustamente orientare le intenzioni di voto in base alle capacità ed alle prospettive di una o dell’altra coalizione, sono per la destra inutili e inopportune. Come potrà quindi domani un aspirante sindaco che oggi evita di esporre le sue idee ai cittadini affrontare le problematiche legate alla gestione della cosa pubblica? Chiudendosi a chiave nel suo ufficio? Isolandosi da tutto e da tutti? I cittadini hanno fame di risposte, caro Gianni – ha aggiunto l’esponente dell’Italia dei valori -. Hanno bisogno di persone coraggiose che sappiano affrontare le sfide del prossimo quinquennio, che sappiano disegnare una Casarano a misura di cittadino, che la casa comunale sia trasparente, che le mille domande abbiano una risposta, che le mille richieste abbiano almeno l’attenzione dovuta. Chi oggi fugge non ha e non avrà assolutamente quel coraggio. Gli assenti hanno sempre torto”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!