I Verdone a Lecce per il premio dedicato a ‘papà Mario’

Lecce. Una targa sarà consegnata sabato sera al vincitore proclamato nell’ambito della chiusura della XIII edizione del Festival del Cinema Europeo

LECCE – Saranno sabato a Lecce i fratelli Verdone per consegnare la Targa al giovane autore vincitore del Premio dedicato a Mario Verdone. Il premio è stato istituito tre anni fa – in accordo con la famiglia Verdone – dal Festival del Cinema Europeo, il Centro Sperimentale di Cinematografia e il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, con l’intento di premiare un giovane autore italiano (massimo 40 anni) che si sia particolarmente contraddistinto per il suo talento nell'ultima stagione cinematografica nella realizzazione di un’opera prima o seconda. La ‘Targa’ (un ciak in plexiglass nero e argento) un occhio cigliato simbolo del Festival e una pellicola che si srotola a dire di cinema, è stata realizzata dall’orafo designer Gianni De Benedittis, brand futuroRemoto, ormai avvezzo al cinema, suoi i gioielli indossati dagli attori nei film ‘Mine vaganti’ e ‘Magnifica presenza’ di Ferzan Ozpetek. Il designer è orgoglioso di tornare a collaborare con il Festival e come sottolinea lui stesso: “Mi fa piacere, stimo Alberto La Monica, sono orgoglioso di collaborare per un evento di tutto prestigio artistico e culturale”. La selezione degli autori è proposta dal Festival del Cinema Europeo, dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e dal Centro Sperimentale di Cinematografia. La giuria è composta da Carlo, Luca e Silvia Verdone. Gli undici autori selezionati per la III edizione del Premio e già annunciati lo scorso 2 febbraio sono: Michele Rho per “Cavalli” (2011), Alice Rohrwacher per “Corpo Celeste”(2011), Andrea Segre per “Io sono lì” (2011), Guido Lombardi per “La-bàs – educazione criminale” (2011), Francesco Lagi per “Missione di pace” (2011), Edoardo De Angelis per “Mozzarella stories” (2011), Pippo Mezzapesa per “Il paese delle spose infelici” (2011), Alessandro Genovesi per “La peggior settimana della mia vita” (2011), Roan Johnson per “I primi della lista” (2011), Carlo Virzì con “I più grandi di tutti” (2011), Gianluca e Massimiliano De Serio per “Sette opere di misericordia” (2011). Tra gli undici giovani autori Carlo, Luca e Silvia Verdone hanno scelto i tre che concorreranno alla terza edizione del Premio: 1) Alice Rohrwacher per “Corpo celeste” (2011) 2) Andrea Segre per “Io sono lì” (2011) 3) Gianluca e Massimiliano De Serio per “Sette opere di misericordia” (2011) Le precedenti edizioni sono state vinte da Susanna Nicchiarelli per ‘Cosmonauta’e Aureliano Amadei per ’20 sigarette’.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!