Ico Tito Schipa. Negro: ‘Figlia di un Dio minore’

Lecce. Il presidente regionale Udc evidenzia la sproporzione tra i 120mila euro assegnati alla Fondazione leccese ed i 2 milioni elargiti alla Petruzzelli di Bari

LECCE – “C’è un evidente ed ingiustificato disequilibrio tra i 120mila euro annui assegnati (tutt’oggi non ancora erogati) alla Fondazione Ico Tito Schipa di Lecce e i 2 milioni di euro elargiti alla Fondazione del Teatro Petruzzelli di Bari. Una discriminazione che non ha apparenti giustificazioni e allarga le distanze tra i due capoluoghi pugliesi, alimentando quel malcontento che ha dato vita a movimenti politici campanilistici che vorrebbero separare il Salento dal resto della Puglia”. È quanto affermato dal presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, che ha espresso solidarietà ai lavoratori della Fondazione Ico Tito Schipa in stato di agitazione permanente a causa delle ristrettezze economiche che mettono a rischio l’attività del prestigioso ente culturale. “Ovviamente – ha sottolineato il capogruppo Udc – ci piacerebbe conoscere in base a quale metro di misura i fondi in questione vengono assegnati a uno o all’altro Ente. Non mi risulta che il livello artistico degli spettacoli prodotti dalla Fondazione salentina possa essere considerato inferiore a quello della Fondazione barese. Una discriminazione, a nostro modo di vedere, che alimenta quelle voci che attribuiscono tutto ad una questione esclusivamente “baricentrica”. Probabilmente il governo regionale ignora l’alto livello delle produzioni lirico-sinfoniche della Fondazione Ico Tito Schipa che vanta una orchestra stabile di 60 professionisti. Inoltre, dai tempi di Carlo Vitale, alla decennale gestione del celebre soprano Katia Ricciarelli, fino ai nostri giorni, la Fondazione salentina, pur nelle note ristrettezze economiche, ha ospitato i più importanti nomi della scena internazionale allestendo negli ultimi trent’anni un numero rilevante di spettacoli lirici e sinfonici”. “Una discriminazione non più tollerabile – ha concluso Salvatore Negro – offensiva e irrispettosa non solo nei confronti della Fondazione ma di un intero territorio e della sua cultura che reclama pari dignità e maggiore attenzione da parte del governo regionale che dovrebbe guardare con maggiore attenzione a queste risorse, indipendentemente dalla posizione geografica”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!