I Salento Dragons si portano in zona play-off

I “Dragons” prevalgono sul temibile Crotone al termine di una gara entusiasmante. La vittoria consente ai salentini di piazzarsi nella zona nobile della classifica.

Impresa titanica quella compiuta ieri dai Salento Dragons. I salentini hanno avuto la meglio, dopo 3 ore e mezza di partita, sui coriaceri Achei Crotone, ex primi in classifica del girone B del CIF9, siglando il Touchdown del vantaggio a 50 secondi dal termine con il RB Quarta D. e bloccando ogni velleità avversarie grazie alla superba prestazione della difesa. Salentini sempre in “rosa” per onorare la LILT(Lega Italiana Lotta ai Tumori) e in organico ridotto per le assenze di Abbonato, Abubakar, Caroli, Giusto, Guerrieri, Prete, Quarta G. Calabresi in campo con il loro QB titolare e tutta la pattuglia di RB al proprio servizio. Da segnalare l’assenza del TE titolare. Monetina benevola con gli Achei che scelgono di ritornare ma il kicker Schirinzi manda la palla in endzone. Touchback e palla sulle 20 di Crotone. Solito lavoro certosino di Pugliese che avanza la palla fino alle 45 salentine. Ci pensa poi il QB Megna con una corsa personale dopo una serie di finte ai propri RB ad involarsi in solitaria in Touchdown grazie alla dormita generale di tutta la difesa. Trasformazione da 2 di Pugliese ed Achei avanti 8-0. Palla ai Dragons che avanzano con le corse di Quarta D. e Strada e le penalità degli ospiti, apparsi un po’ nervosi all’inizio. Passaggio di Strada per Schirinzi che riceve tutto solo in endzone per l’8-6 (trasformazione non realizzata). Drive lungo per i calabresi che grazie al proprio RB Pugliese si avvicinano all’endzone salentina, violandola con una corsa di Leto. Trasformazione bloccata da Pignatelli che defletta il pass per il WR crotonese e punteggio sul 14-6. La mente dei Dragons è ancora fuori dal campo e lo dimostra il pasticcio fatto dai ritornatori Quarta D. e Bellisario che lasciano ricoprire il calcio agli avversari, cedendo quindi il possesso della palla. Coach Marino detta gli schemi a Megna che impiega solo 2 down per segnare nuovamente e portare gli Achei sul 22-6 (Trasformazione del TE Brescia). C’è tempo per il calcio successivo ritornato da D’Amore sulle 38 yards di casa prima della fine del primo quarto. Attacco in campo ma manca ancora lucidità e Dragons costretti al punt. Nel frattempo il capitano della difesa Di Gennaro G. e il capitano dei DB Vitale strigliano i propri uomini di reparto per le dormite avute nel primo quarto di gioco e la “cura” si vede subito. Sono proprio loro a recuperare il possesso palla con un colpo ben assestato del LB Di Gennaro G. che fa perdere la palla al RB Leto e il pronto intervento del DB Vitale che la ricopre riconsegnandola all’attacco. Lavoro sporco per Quarta D. che corre avvicinandosi all’endzone calabrese e permette a Strada di segnare nuovamente fissando il risultato sul 22-12 con il quale si chiuderà il primo tempo. Da segnalare ancora la difesa sugli scudi che fermano il RB Pugliese sempre con Di Gennaro G., facendogli perdere la palla, ricoperta dall’End Savietti che come da promessa la consegna al compagno Prete, infortunato a bordo campo. Coach Nigro conosce a menadito i suoi giocatori e sa che qualcosa cambierà l’inerzia della partita. I ragazzi sono molto motivati ed a parte qualche leggera modifica tattica, lascia ai capitani il compito di riportare il morale in alto e dare una sferzata decisiva per il proseguo della partita e del campionato. Si parte con la palla ai salentini e con Quarta D. che con sole 2 corse va a segno per il suo primo Touchdown personale, trasformato sempre dal RB per il punteggio di 22-20 per gli Achei. Ancora qualche incertezza, da parte dei DB di casa, permette a Megna di correre indisturbato in endzoneper il touchdown prime e per la trasformazione da 2 punti dopo, portando il risultato sul 30-20. Offense in campo e in men che non si dica Quarta accorcia nuovamente le distanze portando i Dragons sul 26-30. La difesa di casa non vuole essere da meno e ci pensa ancora il capitano Di Gennaro G., dopo un ottimo lavoro di tutti i compagni, a placcare il QB Megna ben 13 yards dietro la linea di scrimmage, mettendo a referto uno splendido sack e riconsegnando la palla a Strada e compagni. Il giovane QB salentino imbastisce un bel drive e restituisce il favore al compagno Quarta, facendogli segnare il secondo Touchdown di giornata. Salentini quindi in vantaggio 32-30. Palla calabrese e terzo quarto che si chiude con un sack di Savietti. Achei mai domi e Megna tira fuori dal cilindro un lancio di 37 yards per Lazzarin che segna riportando avanti gli ospiti per 36-32 grazie alla mancata trasformazione. La giornata sembra diventare cupa per la compagine di casa che perde la palla con un fumble ricoperto dagli Achei. Ma di fronte c’è ancora la difesa che alza un muro e costringe i calabresi al Punt. Palla ai Dragons e Strada, noncurante della giovane età, cerca di superare la prestazione di Megna, lanciando per Cozzoli il quale, dopo aver ricevuto, sfrutta i blocchi dei compagni e si invola per per 59 yards. Trasformazione errata e risultato 38-36. Megna non si da ancora per vinto e segna lasciando poco tempo alle residue speranze salentine. Trasformazione fermata da Piliego e Di Gennaro M. che sollevano da terra il povero QB ospite, facendolo arretrare di qualche yard, fermando il punteggio sul 42-38. Restano 3 minuti e 22 secondi e coach Nigro sfrutta i timeout per fermare il tempo e chiamare gli schemi giusti per percorrere le 43 yard che segnerebbero il nuovo sorpasso. Le chiamate scelte portano i frutti sperati e in sole 8 azioni e 2 minuti e 06 secondi, Quarta va ancora a segno per il 44-42 dei Dragons. Restano 50 da giocare e Menga ha tra le mani un pallone che scotta. Il giocatore non perde la calma e cerca i propri WR ma ci pensa l’attenta guardia di Pignatelli a fermare qualsiasi tentativo di rimonta. Triplice fischio finale e festa per i Dragons dopo questa ennesima odissea al cardiopalma.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!