Rifiuti. Il dilemma del giovedì: carta o vetro?

Casarano. Il Comune ha modificato il calendario della differenziata ma la comunicazione è stata scarsa. Risultato: una città piena di sacchetti non ritirati

CASARANO – Carta o vetro? E’ il dilemma che assilla i casaranesi da alcune settimane. Ieri, secondo giovedì del mese, i cittadini hanno tirato fuori giornali, cartoni e carta in genere per la consueta raccolta differenziata porta a porta. Gli operatori ecologici, però, hanno lasciato tutto vicino alle case dei poveri utenti e hanno ritirato solo il vetro. La scorsa settimana, primo giovedì del mese, è successa la stessa cosa (a rifiuti invertiti): i cittadini hanno tirato fuori il vetro; la ditta che gestisce il servizio ha invece ordinato di ritirare la carta. Che cosa bisogna smaltire il giovedì? Con il nuovo appalto, partito il 5 marzo scorso, è cambiato il calendario del porta a porta? E, se sì, quando sono stati informati gli utenti? Domande che tanti cittadini hanno rivolto al Comune. Alcuni sono andati direttamente negli uffici di Palazzo dei Domenicani che controllano il servizio e hanno protestato vivacemente. Si lamentavano, giustamente, che da ieri si ritrovano in casa una doppia quantità di rifiuto-carta e una doppia quantità di rifiuto-vetro. “Sì, in effetti abbiamo modificato il calendario – ammette Anselmo Antonaci, responsabile del servizio Ambiente – l’abbiamo deciso dopo che c’è stato lo sciopero delle discariche. A causa di questo, quella settimana è saltata tutta la programmazione e non si è capito più cosa smaltire il giovedì”. “E quindi – prosegue Antonaci – abbiamo pensato che non era più proponibile il sistema dei giovedì pari, per ritirare la carta, e i giovedì dispari, per il vetro; anche perché ci sono mesi che hanno cinque giovedì e anche in quella situazione non si capisce cosa ritirare. Ora si fa alternativamente: un giovedì la carta, il successivo il vetro e così via”. Il discorso non fa una piega, ma il Comune quando ha comunicato la modifica del calendario? “Lo ha fatto con gli operatori ecologici, avvertendo tutti della modifica – risponde Antonaci – tant’è che oggi (ieri, ndr) la ditta ha ritirato una grande quantità di vetro, segno che la gente lo sapeva”. Non è proprio così, considerato che la città ieri era stracolma di sacchetti bianchi pieni di giornali e cartoni e che ora i cittadini saranno costretti a riportarli nelle proprie abitazioni. Esattamente come è successo la scorsa settimana con il vetro. L’informazione da parte del Comune è stata scarsa. La vicenda interessava praticamente tutte le famiglie della città, tutti i cittadini di Casarano, gran parte degli operatori commerciali. Coinvolgeva migliaia di persone. Cambiare il calendario della raccolta differenziata era una priorità assoluta e andava comunicata con le forme e i mezzi adatti (manifesti, comunicati stampa, volantinaggio ecc.). Comunque, ricordate: giovedì prossimo verrà ritirata la carta.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!