Rinnovo contrattuale. Modi a Novoli

Novoli. Il responsabile del Dipartimento Nazionale dei Lavoratori del settore Igiene Urbana della Unione Italiana Lavoratori incontrerà i lavoratori salentini

NOVOLI – Il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro e le ripercussioni che esso può comportare per le categorie interessate. Su questo verterà l’incontro organizzato per oggi dalla Segreteria territoriale di Lecce della Uil Trasporti. All’appuntamento che si svolgerà al teatro comunale di Novoli dalle 10 alle 12, parteciperà il responsabile del Dipartimento nazionale dei lavoratori del settore Igiene Urbana, Paolo Modi, per la prima volta nel Salento. Modi, che sarà accolto dai dirigenti salentini della Uil, tra cui il segretario generale Antonio Perrone e il segretario provinciale UilTrasporti Emanuele Nitto, incontrerà i lavori salentini e illustrerà loro le ripercussioni che l’ipotesi di rinnovo Ccnl – Fise avanzato da alcune sigle sindacali lo scorso 19 marzo potrebbe avere. La Uil Trasporti, infatti, oltre a rigettare un percorso di rinnovo contrattuale che giudica “contro gli interessi dei lavoratori e dell’antica unità sindacale”, ha attivato in tutto il territorio nazionale degli incontri diretti con i lavori del settore. L’occasione, inoltre, permetterà di conoscere le strategie future che la Uil intende mettere in atto rispetto alla delicata questione. “Siamo contenti di avere con noi Paolo Modi e il nostro segretario Antonio Perrone – ha affermato Nitto, segretario provinciale UilT –. Allo stesso tempo, però, siamo preoccupati per questa nuova ipotesi di rinnovo proposta, che sicuramente non tutela i nostri lavoratori. La presenza dei massimi responsabili, a livello sia nazionale che territoriale, permetterà di conoscere meglio la questione e le strategie da adottare, ma soprattutto permetterà di confrontarci apertamente con i nostri lavoratori. Per questo l’incontro di Novoli – conclude Nitto – assume un’importanza fondamentale in un periodo molto complicato e veramente incerto per le dinamiche della storia del settore dell’igiene ambientale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!