Torre San Giovanni. ‘Allarme bacini inquinati’

Torre San Giovanni. La segnalazione del partito dei comunisti italiani a sindaco ed assessore all’Ambiente

TORRE SAN GIOVANNI – Che i bacini non godano di buona salute è facile dirlo. Basta guardarli. L’acqua assume una colorazione marrone, l’odore si fa molto spesso acre ed insopportabile; proliferano le zanzare e gli insetti di vario tipo. La situazione si è aggravata nei giorni scorsi, al punto da spingere i rappresentanti del partito dei Comunisti italiani Marco Colitti ed Angelo Minenna, segretario e consigliere comunale, a segnalarla al sindaco Massimo Lecci ed all’assessore all’Ambiente Antonio Ponzetta. Ecco la lettera inviata: Oggetto: segnalazione relativa a possibile inquinamento idrico nella frazione di Torre San Giovanni. Egregi Signori, noi sottoscritti Marco e Angelo Minenna, rispettivamente nella qualità di Segretario Politico del PdCI – FdS di Ugento e di Consigliere Comunale dello stesso Partito presso l’Ente Comune di Ugento, con la presente esponiamo quanto segue: – In contrada “Muccuso”, nella località di Torre San Giovanni (Ugento), nei pressi dei bacini Bianca, Ulmo e Suddenna, quest’ultimo a ridosso dell’abitato della suddetta frazione, abbiamo avuto modo di constatare una colorazione grigiastra e marrone in superficie e nel corpo stesso delle acque. – Quanto sopra indicato, determina un odore sgradevole, misto a un incontrollato proliferare di zanzare, moscerini e altri tipi d’insetti lungo le sponde dei suddetti canali, oltre ad un’alterazione del precario equilibrio della flora e della fauna presente nei Bacini di Ugento, da tempo sottoposta a particolare tutela da norme e disposizioni comunitarie, e, ad oggi, parte integrate dell’area naturale protetta di Ugento, in base a quanto contenuto e disposto dalla Legge Regionale n° 13 del 28 maggio 2007. – Va altresì segnalato, nei pressi del bacino “Suddenna”, la presenza di chiazze oleose, di colore giallastro, piuttosto dense e spesse. Quanto sopra, si comunica affinché, esperiti gli accertamenti ritenuti necessari, vengano adottati tutti i provvedimenti di competenza, restando a disposizione per ogni ulteriore chiarimento. Si coglie l’occasione per porgere i nostri migliori saluti. Marco COLITTI Angelo MINENNA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!