‘Sconcerto’. Manca incontra Servillo

Lecce. Lo spettacolo andrà in scena domani a Brindisi e sabato a Lecce

LECCE – Cresce l’attesa per lo spettacolo “Sconcerto” di Toni Servillo in cartellone a Brindisi e a Lecce nei prossimi giorni. Oggi alle ore 12, nella sala conferenze stampa di Palazzo Adorno a Lecce, la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca incontrerà Servillo per presentare lo spettacolo, in programma nel cartellone della Stagione Sinfonica di Primavera della Fondazione Ico Tito Schipa. Parteciperanno all’incontro: il vice presidente della Fondazione Ico Eraldo Martucci, il direttore amministrativo della Fondazione Ico Grazia Manni, il direttore artistico della Stagione Sinfonica Marcello Panni, l’assessore alla Cultura del Comune di Lecce Massimo Alfarano ed un rappresentante della Fondazione Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. L’attesissimo spettacolo teatrale “Sconcerto”, rappresentato con successo nei più importanti teatri d’Italia e all’estero, si terrà domani nel Nuovo Teatro Verdi di Brindisi e sabato 14 aprile nel Teatro Politeama Greco di Lecce, alle ore 21. A vestire i panni del direttore d’orchestra un sorprendente Toni Servillo, regista anche dell’opera con cui ha vinto il 51° Grand Prix come migliore attore al Festival Internazionale Mess 2011 di Sarajevo, che porterà in scena le parole del testo scritto da Franco Marcoaldi. Le musiche originali del compositore romano Giorgio Battistelli saranno eseguite dall’Orchestra Sinfonica di Lecce diretta da Marco Lena, con la partecipazione di Peppe Servillo. Inaugurata il 3 aprile scorso, la Stagione Sinfonica di Primavera della Fondazione Ico Tito Schipa prevede nove appuntamenti che si terranno nella splendida cornice del Teatro Politema Greco di Lecce, fino all’1 giugno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!