Alghe e fenomeni paranormali

A Ugento, la località turistica più popolosa di Puglia, l’intasamento dei canali ha del misterioso. Il Comune? Nulla sa

Da tempo a Torre S. Giovanni, marina di Ugento, la località turistica più popolosa dell’intera Puglia, si assiste ad un fenomeno ‘paranormale’. Quando si avvicina la stagione turistica, nella notte, sui bordi dei bacini, compaiono cumuli di alghe secche del tipo Posidonia. A volte i cumuli compaiono direttamente nelle acque dei canali, che con il tempo diventano marrò, melmosi, maleodoranti. Come ha denunciato nelle ultime ore il consigliere comunale Angelo Minenna. Non si è mai capito chi riversi nei canali quello che è un rifiuto speciale, le alghe, appunto, che le mareggiate accumulano sulle spiagge, dove i lidi dati in concessione occupano una superficie di gran lunga superiore a quella della spiaggia libera, che per legge dovrebbe essere pari al 60% della costa balneabile. Ovviamente i lidi tengono in ordine il pezzo di spiaggia di loro competenza: arrivano i turisti e le alghe che il mare d’inverno deposita sul bagnasciuga, spariscono. Dove? Ecco il fenomeno paranormale: si spostano, materializzandosi ai bordi dei canali o addirittura dentro. Il Comune non si spiega lo strano episodio, unico nel suo genere. Certo è che quelle alghe potrebbero essere utilizzate in tanti modi, non ultimo la costruzione di speciali barriere che impediscano l’erosione delle spiagge. Un metodo diffusissimo ed ecologico, mai attuato a queste latitudini. Dove si preferisce stare ad osservare i fenomeni paranormali. Nella speranza che diventino anch’essi un’attrazione turistica.

alghe Torre San Giovanni

Ecco una delle prime apparizioni: le foto sono state scattate dal Tacco addirittura il 1° gennaio 2011.

bacino Suddenna San Giovanni

Ed ecco come si presenta il bacino da alcuni giorni, con la caratteristica colorazione marrone (foto del partito dei Comunisti italiani)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!