Scoditti, solidarietà al volontariato psichiatrico

Lecce. L’ex direttore della Asl Lecce, devolve a due associazioni di familiari un risarcimento ottenuto per danno d'immagine

LECCE – Pasqua con sorpresa per due associazioni di volontariato salentine impegnate nella tutela dei diritti e nella promozione dell’integrazione sociale di persone con disagio psichico. Guido Scoditti, già direttore generale della Asl di Lecce, ha infatti scelto di destinare l’ammontare del risarcimento ottenuto dal Tribunale, per un danno alla propria immagine personale nel periodo in cui svolgeva le sue funzioni di direttore, alle associazioni “Nuove Speranze” di San Cesario e Astsm (Associazione salentina per la tutela della salute mentale) di Lecce. Scoditti ha comunicato la sua decisione nel corso di un incontro con i rappresentanti delle due associazioni attive in ambito psichiatrico, svoltosi presso la sede del Dipartimento di Salute mentale di Lecce. Una scelta orientata dalla conoscenza delle diverse attività e progettualità realizzate, anche nel periodo in cui ha diretto la Asl Lecce, dalle associazioni in collaborazione con il Dipartimento e con il sostegno dalla stessa Asl e rafforzata dalla consapevolezza che l’area della salute mentale rappresenti, nei fatti, uno dei settori “meno finanziati” della sanità. Le associazioni destinatarie commentano con profonda soddisfazione il gesto di Scoditti, non solo perché apre la possibilità di realizzare nuove attività a favore dei propri utenti, ma soprattutto perché assume una valenza fortemente simbolica di un riconoscimento concreto e fondamentale dell’identità e del ruolo dell’operato delle compagini del volontariato e della rappresentanza familiare all’interno dei processi di programmazione e gestione della salute mentale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!