Candidate donne. Buccoliero: ‘10 su 30’

Lecce. Un terzo dei candidati di “Uniti per Lecce” è donna. Il presidente di MeP chiede più impegno da parte della politica nel coinvolgimento delle donne

LECCE – Il tema della presenza delle donne nelle liste elettorali tiene banco negli ambienti della politica leccese. Dopo la preoccupazione dei giorni scorsi ad occupare tutte le caselle entro il termine fissato per la consegna, ora si passa all’analisi degli schieramenti. E dopo le dichiarazioni di Angelamaria Spagnolo sulla vittoria schiacciante della candidata del centrosinistra Loredana Capone nell’ipotetico confronto con quello del centrodestra Paolo Perrone, sul tema interviene anche Antonio Buccoliero, consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”. Il quale sottolinea che su 30 candidati nella lista di “Uniti per Lecce”, dieci sono donne, “giovani, preparate e desiderose di dare un contributo importante alla città di Lecce”. “Se ci si impegnasse seriamente, da un punto di vista politico – dice Buccoliero -, per coinvolgere sempre di più le donne, il mondo politico sicuramente ne guadagnerebbe, dal momento che le donne sanno non solo essere più attente e ricettive ai bisogni degli altri, ma hanno anche notevoli doti di comunicazione e mediazione, che di solito sono carenti negli uomini. Al di là delle solite sviolinate e dei dati poco confortanti che si registrano alla vigilia di ogni competizione elettorale, credo che la politica abbia il dovere urgente di dare una svolta rosa al suo interno. Sono certo – conclude – che ne guadagneremmo in termini di onestà, trasparenza, impegno e concretezza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!