Lorenzo Ria candidato sindaco a Racale: è ufficiale

Racale. Lorenzo Ria ha ufficializzato la sua candidatura a sindaco nel comune di Racale con la lista 'Per la Città Nuova'

E' ufficiale: Lorenzo Ria si candida a sindaco di Racale. E' avvenuta ieri sera, nel comitato di via Mazzini, la presentazione ufficiale della candidatura dell'ex presidente della Provincia di Lecce ed oggi parlamentare dell'Udc Lorenzo Ria e del progetto della sua lista, denominata 'X la Città Nuova'. Il nodo centrale del progetto, fortemente sostenuto dal movimento 'Diversi per Passione', si esplica nella fusione dei Comuni di Racale, Alliste, Melissano e Taviano, Ria spiega infatti “È da circa un anno che il movimento 'Diversi per passione' lavora all'idea di unire insieme le quattro comunità confinanti, omogenee in quanto ad economia, storia, cultura e tradizioni , in un unico grande ente, al fine di trasformare un territorio oggi frammentato in una istituzione efficiente e virtuosa, in grado di competere sul piano sociale ed economico con i più grandi centri del Salento. Da subito ho condiviso il progetto e ho collaborato con loro, in questi mesi, per implementarlo e diffonderlo. È chiaro che insieme questi piccoli enti avranno maggiori possibilità di affermarsi e di operare, fornendo servizi di maggiore qualità e a costi contenuti'. Ha poi spiegato che durante la campagna elettorale si sviscereranno dettagliatamente i contenuti e i vantaggi della proposta di fusione. E' una sfida non facile, precisa Ria, che servirà, a suo dire, 'per ridare a Racale entusiasmo e produttività, all'interno di una più ampia visione locale che contempli anche l'unione e la cooperazione con le comunità vicine'. Rompe, quindi, l'onorevole, le convenzioni della politica, crea una rottura di schemi che evidentemente porterà critiche, soprattutto 'campaniliste'. Le altre novità della lista? Età media relativamente giovane e percentuale della presenza femminile del 44% con 7 candidate donne su 16.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!