Esenzioni ticket sanitari. Caaf Cgil assiste nella compilazione delle domande

Lecce. Dal 1°aprile le sedi Cgil presenti nei Comuni salentini sono a disposizione per compilare le certificazioni da mandare alla Asl

LECCE – Anche per il 2012 il Caaf Cgil si occuperà del rilascio degli attestati di esenzione, per motivi di reddito, dal pagamento dei ticket per visite ed esami specialistici e per l’acquisto di farmaci. Continuano ad avere validità le esenzioni non legate al reddito, ma ad invalidità o a gravi patologie invalidanti. A partire dal 1° aprile, dunque, le strutture comunali della Cgil sono a disposizione degli aventi diritto per la compilazione dell’autocertificazione da inviare alla Asl ed essere inseriti negli elenchi regionali degli esenti. Possono beneficiare dell’esenzione: i cittadini di età inferiore a sei anni e superiore a 65 appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro; i disoccupati e loro familiari a carico appartenenti a un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico; i titolari di pensioni sociali e loro familiari a carico; i titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni e loro familiari a carico, appartenenti a un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico; gli assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo complessivo fino a 18mila euro, incrementato di mille euro per ogni figlio a carico; gli assistiti di età superiore a 65 anni, appartenenti a un nucleo familiare con reddito annuo complessivo non superiore a 36.151,98 euro; gli assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo fino a 23mila euro, incrementato di mille euro per ogni figlio a carico. Le sedi Caaf Cgil Lecce sono diffuse in tutta la provincia. Per informazioni: www.leccelavoro.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!