Decreti ingiuntivi e sequestro cautelativo. Controffensiva degli ex operai Geotec

Casarano. Comune di Casarano nella bufera. Gli operai chiedono il sequestro cautelativo delle somme che la Geotec deve loro

CASARANO – Caos rifiuti al Comune di Casarano, dove si somma emergenza ad emergenza. Ventiquattro operai della ditta Geotec che finora ha gestito il servizio di igiene urbana del Comune hanno notificato alla ditta i decreti ingiuntivi per il recupero degli arretrati, equivalenti ad un mese di stipendio arretrato, il tfr e il fondo pensione, che, lamentano gli operai, non è stato mai versato. Non solo: poiché il Comune di Casarano deve all’Ato Le3 700mila euro, gli operai hanno chiesto il sequestro cautelativo delle somme. Nella mattinata di oggi una delegazione degli operai, accompagnata da Piergiorgio Caggiula dell’Idv, è stata ricevuta dalla Commissaria Ocello, che ha preso atto della situazione, dichiarandosi “contenta per l’esito del nuovo appalto per la gestione rifiuti, su cui comunque si dovrà monitorare perché vengano garantiti i diritti dei lavoratori”. Intanto continuano a lavorare per la Igeco, che si è aggiudicata la gara da quasi due milioni di euro dopo l’esclusione della prima classificata, la Cogea, raggiunta dall’interdittiva antimafia della Prefettura di Lecce, a seguito dei collegamenti societari tra la Cogea e la Geotec, il cui reale proprietario, Gialuigi Rosafio, è stato condannato in appello per “condotta mafiosa”. Gli operai stamane non hanno potuto raccogliere i rifiuti, perché i camion sono da ieri notte, stracolmi di rifiuti, in coda all’esterno della nuova discarica Burgesi gestita da Cogeam. Lì e nelle altre discariche gestite dalla Cogeam infatti, è in atto un nuovo capitolo dell’emergenza: i dipendenti della ditta del gruppo Marcegaglia hanno a loro volta incrociato le braccia, bloccando l’intero sistema di raccolta rifiuti. Il motivo risiede nel fatto che la Cogeam vanta un credito di 9 milioni dalle Ato: finora i costi sono stati anticipati dalla ditta, ma ora la situazione è diventata insostenibile. LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’

Casarano, rifiuti per strada
Casarano, i rifiuti della raccolta ‘porta a porta’ sono rimasti per strada
Casarano, rifiuti condominio per strada
Casarano. Sulla porta di un condominio le buste di rifiuti non raccolte Gli operai della Igeco sono comunque “reperibili” e non appena la situazione si sarà sbloccata riprenderanno il servizio di raccolta.

 

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!