Costruzioni e discarica abusiva. Nei guai imprenditore 48enne

Neviano. Il terreno, sequestrato dai finanzieri, appartenevano al titolare di una ditta di movimento terra

NEVIANO – Su un terreno agricolo di 440 metri quadrati erano stati realizzati abusivamente circa 150 metri quadrati di locali e tettoie adibiti ad uffici, deposito attrezzi e ricovero di automezzi. Inoltre era stato costruito un muro di cinta alto circa 3 metri, lungo 30 e largo 15. La scoperta è stata effettuata a Neviano dai finanzieri della Compagnia di Gallipoli. Gli accertamenti effettuati presso l’Ufficio Tecnico del Comune hanno poi permesso di accertare che il terreno in questione, classificato come “seminativo”, apparteneva C.S., 48enne del posto, titolare di una ditta di movimento terra, e non aveva alcun permesso di costruire. Durante il sopralluogo eseguito dai finanzieri, è stato accertato anche che nella stessa area l’uomo aveva realizzato una discarica di rifiuti speciali, pericolosi e non, derivanti dalla demolizione e ristrutturazione di immobili (mattoni, piastrelle, plastica, cemento), detenendo numerose traversine in legno dei binari ferroviari, classificate quali rifiuti speciali pericolosi. Il proprietario del terreno è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria di Lecce per violazione alle norme sulla tutela dell’ambiente e sull’edilizia, mentre il lotto di terreno, le opere abusive ed il materiale inquinante sono stati sottoposti a sequestro. Su impulso della Guardia di Finanza di Gallipoli, sono stati interessati il Comune di Neviano e la Provincia di Lecce per l’avvio della procedura di bonifica del sito inquinato, l’abbattimento delle opere abusive ed il ripristino dello stato dei luoghi, a spese del proprietario del terreno, attraverso l’emissione di apposite ordinanze di demolizione e bonifica, sulla cui esecuzione ed attuazione pratica vigilerà la stessa Compagnia della Guardia di Finanza di Gallipoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!