Boss della Scu arrestato in Olanda. Si discute l’estradizione

Lecce. Il verdetto si conoscerà il prossimo 3 aprile. Francesco Santolla, detto “Superman” era considerato l’ultimo grande latitante della Sacra Corona Unita

LECCE – E’ considerato il luogotenente del clan Tornese di Monteroni. Francesco Santolla, 58enne originario di Collepasso, presunto boss della Sacra Corona Unita, noto con il soprannome di “Superman” è stato arrestato lo scorso 13 gennaio in Olanda, a Lelystad. Ma bisognerà attendere il 3 aprile per sapere se sarà estradato in Italia. Ieri mattina davanti ai giudici del tribunale di Amsterdam ha avuto luogo l’udienza sulla richiesta di estradizione. La difesa di Santolla, l’avvocato Francesca Conte, ha chiesto di esprimere il rifiuto della consegna all’autorità italiana; la tesi della difesa è infatti che sia stato violato il diritto dell’imputato a presenziare in ogni grado di giudizio, nonostante le ripetute richieste dell’avvocato e dello stesso Santolla, mediante dichiarazioni inviate dall’Olanda, dov’era detenuto e relative alla impossibilità a comparire in tribunale. Santolla era considerato l’ultimo grande latitante della Sacra Corona. Nei suoi confronti, nel giugno 2002, era stata emessa una condanna all'ergastolo per l'omicidio di Ivo De Tommasi, avvenuto nel 1989, e per associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico di armi e droga, alle estorsioni e al gioco d'azzardo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!