Amministrative. I candidati salgono a sei

Casarano. Tre i sicuri (Stefano, Fersino e Rizzello); due “quasi sicuri” (De Matteis e De Marco); il sesto è Zompì, sostenuto dai “demasiani”

CASARANO – Corsa a sei per Palazzo dei Domenicani? Tre candidati alla carica di sindaco sono stati già ufficializzati; altri due lo saranno nei prossimi giorni; un altro, il sesto, dovrebbe essere annunciato entro la fine di questa settimana. Rispetto al 2009, l’ultimo anno in cui si è votato per le “Comunali”, potrebbero essere due in più. Più difficile prevedere il numero di aspiranti al Consiglio Comunale, anche perché le coalizioni non hanno ancora “chiuso” le liste elettorali. Ogni lista, com’è noto, sarà composta da un massimo di 16 nomi (tanti quanti saranno i consiglieri comunali). Non sono tanti, ma i responsabili delle forze politiche hanno registrato una media più alta di rifiuti rispetto al passato. Come era previsto, il sindaco uscente, Ivan De Masi, non sarà della partita elettorale che si giocherà il 6 e 7 maggio. Lo ha annunciato ieri sera con un post sulla sua bacheca di Facebook. “Mi sono chiesto – ha scritto De Masi – cosa si riproporrebbe se dovessi decidere di continuare il mio impegno a Casarano. Non vedo sinceramente superate le ragioni che hanno determinato una battaglia spregiudicata e senza quartiere portata avanti nei miei confronti e, sopratutto, nei confronti di quei cittadini che democraticamente, a maggioranza, decisero per quell’esperienza. Non credo che Casarano meriti ancora un clima di astio e di veleni”. “Se il mio farmi da parte può contribuire a rasserenare gli animi – conclude l’ex sindaco – se è questo il prezzo che una sola persona deve pagare per il bene della città, bene, sono pronto a farlo. Continuerò, però, a profondere, per quanto nelle mie possibilità, tutto me stesso, seppur da una posizione più defilata, per contribuire al bene della nostra città. La mia porta sarà sempre aperta a tutti”. I movimenti vicini a De Masi, tuttavia, si presenteranno con un proprio candidato ai nastri di partenza. Il favorito è Paolo Zompì, ex presidente del Consiglio Comunale, che sembra aver convinto i responsabili dei movimenti sulla sua capacità di non disperdere l’elettorato dell’area “demasiana”. A differenza di Zompì, gli altri cinque sono già candidati a sindaco sicuri o quasi sicuri. I tre candidati già sicuri di correre per la poltrona più importante di Palazzo dei Domenicani sono tre: Gianni Stefano, sostenuto da una coalizione formata da Pdl, Cdc, “La Puglia prima di tutto” e dalla lista “Stefano sindaco”; Francesca Fersino, appoggiata da “Liberacittà”, Fli e “Regione Salento”; il giovane Fernando Rizzello, sostenuto dai movimenti “Io Amo l’Italia” e “Aria Nuova”. I quasi sicuri, invece, sono Franco De Matteis, proposto da Sel e dal Pdci/Fds, e Attilio De Marco, sostenuto da Udc, Idv, Api e Pd. Questi ultimi potrebbero essere ufficializzati questa settimana.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!