La giornata delle professioni. Proposte e idee per il rilancio del Paese

Lecce. Anche nella città capoluogo come in tutta Italia gli ordini professionali chiamati a confrontarsi su un progetto unitario per lo sviluppo

LECCE – Anche Lecce come tutti i capoluoghi di provincia d’Italia s’interroga e discute sul valore sociale delle professioni e sul contributo che gli ordini danno allo sviluppo del Paese. In un momento storico in cui gli eventi legislativi stanno modificando il sistema nazionale delle professioni, il Paese sente il bisogno di confrontarsi sulle prospettive di crescita e sul ruolo che i 2 milioni 100mila iscritti agli ordini professionali svolgono a supporto dei cittadini, delle imprese e della pubblica amministrazione. In tutta Italia si stanno organizzando manifestazioni contemporanee nella giornata del 1° marzo; quella principale si terrà a Roma presso l’Auditorium della Conciliazione a partire dalle ore 10.30. La richieste e le proposte che saranno oggetto di discussione durante i lavori hanno lo scopo di creare un dialogo diretto e costruttivo con i rappresentanti della politica e delle istituzioni per giungere, in modo condiviso, alla riforma del sistema ordinistico che garantisce al Paese il 15% del Pil e fornisce occupazione a più di 4 milioni di lavoratori. A Lecce la giornata delle professioni si concretizza nella tavola rotonda organizzata dal Cup – Comitato unitario delle professioni intellettuali, organizzata per domani alle 9 presso la sala convegni delle Officine Cantelmo. Il tema dell’incontro è “Dalle professioni intellettuali una proposta per il rilancio del Paese”. Moderatore sarà Danilo Lupo. Interverranno agronomi, infermieri professionali, architetti, ingegneri, avvocati, medici, chimici, ostetriche, commercialisti, notai, consulenti del lavoro, periti agrari, farmacisti, periti industriali, geologi, ragionieri e periti commerciali, geometri, veterinari, giornalisti. Nel corso della manifestazione è previsto il collegamento con l’Auditorium della Conciliazione in Roma, ove si terrà, in concomitanza, la manifestazione nazionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!