Fondo sociale per gli affitti Iacp. Appello del Sunia

Lecce. Il sindacato chiede a Regione e Comuni di destinare un contributo per aiutare le famiglie affittuarie in difficoltà

LECCE – “Regione Puglia e Comuni emettano il proprio contributo per poter rimpinguare il Fondo sociale destinato agli inquilini dello Iacp in difficoltà”. La richiesta arriva dal Sunia (sindacato degli inquilini) di Lecce ed è più che altro un appello a non lasciare sole centinaia di famiglie che non riescono a corrispondere le quote per gli affitti ed i servizi Iacp. Sono assegnati al Fondo Sociale i canoni percepiti dallo Iacp per la locazione di immobili affittati ad uso commerciale e una parte della quota sopportata per spese generali e di amministrazione, nonché contributi integrativi messi a disposizione dai Comuni, unitamente ai finanziamenti deliberati dalla Regione Puglia. Pertanto, venendo a mancare l’incremento delle risorse più cospicue devolute da parte della Regine Puglia e dei Comuni della provincia di Lecce, il Fondo Sociale già accumulato dallo Iacp si ridurrebbe a poca cosa, da non poter soddisfare le richieste degli inquilini. Gli importi destinati alla costituzione del Fondo Sociale sono utilizzati per fornire piccoli contributi agli assegnatari che non sono più in grado di sostenere il pagamento del canone di locazione e servizi prestati dallo Iacp. Numerose persone affittuarie di alloggi popolari dello Iacp a tutt’oggi non hanno ricevuto il contributo del Fondo Sociale per il sostegno all’affitto. Si tratta di un piccolo ma importante aiuto per centinaia di famiglie in difficoltà economiche che hanno inoltrato all’Istituto regolare richiesta di rimborso per gli anni dal 2008 al 2011.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!