Boxe. Andrea Manco tra i professionisti

Melissano. Il nome del 19enne si aggiunge a quelli di Emanuele Leo, Giuseppe Loffredo e Antonio Santoro che rappresentano la categoria per il Salento

MELISSANO – Andrea Manco è finalmente un professionista a tutti gli effetti. Il 19enne di Melissano ha infatti ricevuto nei giorni scorsi, il beneplacito da parte della Federazione Pugilistica Italiana (Fpi), per varcare la soglia del professionismo. Nato a Casarano l’8 maggio del 1992, il giovane fighter si è forgiato all’interno della palestra diretta da Francesco Stifani: la BeBoxe di Copertino. Il suo nome si aggiunge all’attuale trittico di pugili leccesi che rappresentano il professionismo nel Salento: il peso massimo Emanuele Leo, il supermedio Giuseppe Loffredo e Antonio Santoro. Intanto proprio domani pomeriggio, all’interno della palestra diretta da Stifani, Manco effettuerà una seduta di allenamento con Rocco Di Palmo(scuderia Cavallari), il campione di Francavilla Fontana (Br), oramai pronto per salire sul ring sabato 17 marzo al Palaravizza di Pavia e tentare l’assalto per il titolo italiano dei pesi welter vacante, contro Antonio Moscatello. “E’ il raggiungimento di un sogno conservato nel cassetto al termine del mio primo match da dilettante – ha dichiarato Manco -. Nonostante la mia giovane età, credo di aver scelto la strada più giusta per una carriera sportiva densa di soddisfazioni. A dire il vero, sono ancora un po’ incredulo per la notizia ricevuta; credo che sarò più consapevole di quello che è accaduto quando salirò sul ring a dorso nudo e senza il caschetto protettivo (i professionisti rispetto ai dilettanti difatti non indossano la canotta e il caschetto, ndr). Adesso però stiamo programmando una serie di allenamenti specifici per scendere un po’ di peso; ho sempre gareggiato nella categoria dei 75 kg ma probabilmente eliminerò qualche chilo di massa grassa per assestarmi intorno ai 72 kg, quindi oscillerò tra i superwelter e i pesi medi”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati