Via vai sospetto da casa. In arresto spacciatore

Lecce. I carabinieri, appostati sotto casa di Carmelo De Filippo, hanno fermato due acquirenti trovandoli in possesso di eroina

LECCE – Il via-vai di persone dall’interno di un’abitazione, alcune delle quali note alle forze dell’ordine in quanto tossicodipendenti, ha attirato l’attenzione dei carabinieri del Nucleo investigativo e del Nucleo radiomobile di Lecce, che così hanno deciso di vederci chiaro, appostandosi nei pressi dell’appartamento. Ad un certo punto, sono giunti sul posto due giovani che, hanno suonato al citofono, sono entrati in casa e sono usciti dopo pochi minuti. Quando sono risaliti a bordo della propria auto, sono stati fermati e perquisiti dalla pattuglia del Radiomobile: avevano addosso circa 5 grammi di eroina, nascosta negli slip di uno di loro. I due hanno raccontato di aver acquistate la droga da Carmelo De Filippi, 40enne del luogo, proprietario della casa dalla quale erano appena usciti, già noto ai carabinieri, per la somma di 100 euro. Intanto il “traffico” di clienti presso l’abitazione di De Filippi continuava. Fino a che lo stesso spacciatore è uscito di casa. A quel punto è stato bloccato, nonostante cercasse di divincolarsi energicamente, e sottoposto a controllo e sorpreso in possesso di cinque dosi di eroina, custodite nella tasca dei pantaloni, della somma contante di oltre 2mila euro in banconote di vario taglio, ritenuta provento dello spaccio di stupefacente. In casa è stato trovato materiale per il confezionamento delle dosi, tra cui tre sacchetti di cellophane con numerosi fori circolari, sequestrati insieme alla droga. De Filippi è stato così arrestato e condotto presso la casa circondariale di Lecce a disposizione del pm di turno, Carmen Ruggiero. E’ difeso dall’avvocato Giuseppe De Luca.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!