In salvo due Caretta caretta alla deriva

Otranto. I sub della Lega navale hanno rinvenuto due tartarughe in difficoltà per via delle basse temperature dell’acqua

OTRANTO – Due tartarughe marine della specie Caretta caretta sono state rinvenute nel porto di Otranto ed in particolare nelle specchio acqueo in concessione alla sezione della Lega navale. Il primo esemplare è stato individuato ieri tra le barche ormeggiate ai pontili. Misura 20 centimetri al carapace e, dalle stime effettuate, ha circa quattro anni. Nella stessa area, oggi, il secondo ritrovamento: una tartaruga di due anni e 15 centimetri di lunghezza. Entrambe le Caretta caretta sono state recuperate da Franco Muoio del gruppo sub della Lega navale e tempestivamente consegnate al Centro di recupero tartarughe marine del Comune di Lecce, dove sono state affidate alle cure del dottor Giacomo Marzano. Per l’esemplare di maggiori dimensioni – ha spiegato Marzano – si è reso necessario il trasporto e ricovero presso la facoltà di Veterinaria dell’università di Bari per via di una ferita che è sicuramente la causa che l’ha portata alla deriva. La tartaruga più piccola era invece in ipotermia ed ora è presso il Centro comunale di Reuccio ed è tenuta a temperatura adatta in attesa che possa riprendere la normale alimentazione”. Negli ultimi giorni si stanno facendo sempre più numerose le segnalazioni di tartarughe in difficoltà; la causa sarebbe nella temperatura dell’acqua che sta scendendo sotto i 10°, diventando severa già per un rettile in buone condizioni fisiche, ma praticamente proibitiva per le tartarughe non al meglio della condizione.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati