Amministrative. Tra ultimatum scaduti ed iniziative elettorali

Casarano. Domani conferenza di Magdi Allam per Ali. Intanto i comunisti organizzano “Scommettiamo che” e scade il termine di Torsello per istituire le primarie

CASARANO – Magdi Cristiano Allam, presidente nazionale del movimento “Alleanza per l’Italia” (Ali), sarà domani a Casarano per partecipare a una conferenza pubblica dal titolo “No all’Europa della dittatura finanziaria. Sì all’Europa dei popoli liberi”, che si terrà nei locali di via Matino n. 22/B, nei pressi del Mercato Coperto (ore 17,30). Interverranno Flavio De Giorgi, coordinatore comunale di Ali; Fernando Rizzello, coordinatore provinciale di Ali e candidato sindaco; Giovanni Montingelli, coordinatore regionale dello stesso movimento. Al termine dell’incontro pubblico (ore 19), Allam parteciperà all’inaugurazione ufficiale della nuova sede del movimento di Casarano, in via Canova 57. Un’altra iniziativa politica, molto singolare, viene lanciata dal Partito Comunista sezione di Casarano-Matino-Parabita. Si chiama “Scommettiamo che…” e consiste in dieci scommesse sul panorama politico casaranese. “Verranno sviluppati – spiega una nota – dei quesiti riguardanti le attuali alleanze, gli attuali programmi sempre che ce ne siano, il debito e come affrontarlo, i nomi e altro. Ogni cittadino potrà scommettere da 1 euro a 50 euro e se indovinerà tutti e dieci i quesiti riscuoterà il doppio di quanto scommesso. Il ricavato di questo evento – continua la nota – verrà dispensato alle famiglie più povere le quali dovranno farci pervenire una richiesta dove viene indicata la loro situazione economica. Gli incassi saranno resi pubblici e verrà nominato un qualsiasi cittadino come tesoriere”. L’altro ieri, intanto, è scaduto l’ultimatum dei Verdi lanciato nei giorni scorsi agli alleati del centrosinistra per sollecitarli a istituire le primarie per la scelta del candidato alla carica di sindaco. Il commissario provinciale, Marcello Torsello, infatti, aveva minacciato il disimpegno personale e del suo movimento dalle prossime elezioni cittadine se entro il 22 febbraio il centrosinistra non avesse fissato la data delle primarie, le candidature e le forze politiche in campo. Stesso appello era stato lanciato dal Pdci/Fds.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati