Modelle sul filobus. Che resta vuoto

Lecce. Pankiewicz critica la mancanza di programmazione di Perrone. “Per incentivare l’uso del filobus sarebbe bastato un piano traffico”

LECCE – Non è servita la sfilata di modelle a bordo del filobus, sabato scorso, per incentivare l’uso del servizio da parte dei cittadini. Che proprio non digeriscono l’opera. L’occasione non poteva essere più ghiotta per gli avversari politici di Paolo Perrone, alle prese con le Primarie del Pdl, che non aspettavano altro che un nuovo fallimento per screditare nuovamente l’opera ed anche l’operato del sindaco alla guida di Palazzo Carafa. Il capogruppo dell’Udc cittadino Wojteck Pankiewicz ha definito la cosa una “patetica fiction” sottolineando come “per incentivare l’uso del filobus occorre un piano traffico, altro che pasticciotti gratis e sfilate di modelle.”. “Ora, poiché sono certo che il filobus continuerà a girare vuoto – ha aggiunto Pankiewicz – è probabile che per renderlo più attrattivo organizzeranno al suo interno uno spettacolo di spogliarello. Peccato che non sia venuto in mente a Perrone and company che sarebbe stato molto più semplice incentivare l’uso del filobus predisponendo, nei quattro anni e mezzo che hanno avuto a disposizione, un piano traffico teso a rendere appetibile il trasporto pubblico, riducendo l’uso delle auto private”. Anche per la questione filobus l’Udc ha posto il veto sulla ricandidatura di Perrone chiedendo discontinuità rispetto all’Amministrazione uscente. “Non faremo con lui accordi sui programmi, solo perché egli è inadeguato e inaffidabile per la loro attuazione, come hanno dimostrato abbondantemente questi cinque anni di consiliatura”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!