Facebook colpisce ancora una volta Emiliano

Bari. Interviene l’Ordine per richiamare ‘all’ordine’ il sindaco di Bari che insulta i giornalisti sulla sua bacheca

BARI – Ancora una volta Emiliano colpito da facebookkite, quella disfunzione del processo comunicativo che spinge le mani a digitare sul social network prima di pensare alle conseguenze di quello che si sta scrivendo. E prima che il sindaco Emiliano insulti anche me, spiego che sto facendo facile ironia sulle tensioni tra il primo cittadino di Bari e i giornalisti che si occupano di cronaca cittadina. I colleghi lamentano che ogniqualvolta scrivono qualcosa non gradito al candidato alle regionali per il Pd, si ritrovano insultati, anche personalmente, sulla bacheca del “magistrato in aspettativa”, come si autodefinisce il sindaco. Tanto che l’Ordine dei giornalisti ha diffuso una nota, poi ripresa dalle agenzie nazionali, in cui lo invita a darsi una calmata e a chiedere il diritto di replica, invece di dar fiato alle trombe su facebook. I giornalisti chiedono un incontro per “recuperare serenità tra l’Istituzione e i giornalisti”. Consiglio: visto che abbonda, portate un po’ di neve ad Emiliano. Tanto per aiutarlo a raffreddarsi un po’.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!