Crolla il soffitto. 80enne illesa

Collepasso. La donna si era alzata per andare in bagno e così è sfuggita alla tragedia. L’appartamento è stato dichiarato inagibile

COLLEPASSO – Ha udito degli scricchiolii, ma non ci ha fatto caso, pensando che si trattasse dei soliti rumori, causati dal vento, ed amplificati dal silenzio della notte. E invece da lì a poco si sarebbe scatenato l’inferno. E’ una storia che ha dell’incredibile, quella accaduta alle prime luci dell’alba di oggi, ad una pensionata 80enne di Collepasso. Attorno alle 4.20 la donna si è alzata dal letto per andare in bagno. E’ stata proprio questa la sua fortuna. Pochi minuti dopo, il soffitto ha ceduto crollando al suolo. Non solo: la spinta sul pavimento, ha fatto precipitare anche questo, che è finito nello scantinato. L’anziana è rimasta miracolosamente illesa, pur se intrappolata nella stretta stanza. Sul posto – in via Armando Diaz – sono giunti i vigili del fuoco di Gallipoli, la polizia locale di Collepasso ed i carabinieri di Casarano. Il cedimento dell’appartamento, di proprietà del figlio 56enne della donna, un impiegato 56enne del posto, sono da addebitare con buona probabilità al cattivo stato di conservazione della struttura, risalente agli anni ’20 del secolo scorso aggravato dal perversare delle abbondanti piogge di quest’ultimo periodo. L’abitazione è stata dichiarata non agibile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!