Pankiewicz: ‘Coloriamo di giallorosso il Via del Mare’

Lecce. L’invito del capogruppo dell’Udc a presentarsi in massa al match di domenica contro l’Inter

LECCE – “Non deve mai accadere di sentirsi in minoranza in una partita in casa”. E’ il monito del capogruppo dell’Udc Wojteck Pankiewicz, agguerrito tifoso giallorosso, che spinge tutti i salentini ad essere presenti, domenica prossima, al Via del Mare, per colorarlo dei colori della società e sostenere la squadra in quelle che sono le ultime speranze di restare in serie A. Ciò che è accaduto in occasione del match contro la Juventus, ovvero che i salentini presenti allo stadio erano assai inferiori, per numero, rispetto agli juventini, è, secondo Pankiewicz il segnale di una generale disaffezione nei confronti del tifo e della squadra. “Seguo il mio Lecce dal campionato 1958/1959 – ha dichiarato il consigliere -. Da allora non mi era mai capitato di essere minoranza in una partita in casa. E’ successo domenica 8 gennaio contro la Juve, per colpa di una società che, a fronte di risultati sportivi abbastanza apprezzabili per un città piccola come Lecce, ha ridotto, con una serie di errori commessi nel corso degli anni, all’apatia e alla disaffezione quella che era una delle migliori tifoserie italiane. Nelle prossime gare ci giochiamo gli ultimi spiccioli di speranza di salvezza in serie A, che è un tesoro per noi tifosi, ma anche per il territorio. Con la squadra ci deve essere perciò tutto il Salento, anche perché sembra che, dimostrando ancora una volta il loro amore per la maglia, saranno al loro posto gli ultrà della Curva Nord. Allora, gli interisti devono essere piccola minoranza. Andiamo allo stadio e coloriamolo, come ai bei tempi, portando sciarpe, bandiere e vessilli, con i nostri colori, giallo come il sole e rosso come il cuore”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!