Bellanova: ‘Per uscire dalla crisi, serve crescere un po’ tutti’

Roma. La deputata salentina commenta i dati diffusi dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro. “Restituire al lavoro un ruolo centrale”

ROMA – Per uscire fuori dalla crisi e dalla condizione di drammatico stallo in cui la crisi ha gettato non solo l’Italia ma l’intero pianeta, è necessario rilanciare le politiche economiche, finanziarie e sociali. E’ il punto di vista di Teresa Bellanova, la deputata salentina del Pd, componente la Commissione parlamentare Lavoro. Il Rapporto redatto dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ilo) snocciola dati tutt’altro che incoraggianti sui quali la parlamentare invita a riflettere. “La disoccupazione mondiale ha raggiunto la cifra di 200 milioni di unità, si stimano 27 milioni di disoccupati in più rispetto all'inizio della crisi. Vi è la concreta necessità di creare oltre 400 milioni di nuovi posti di lavoro e circa 900 milioni di lavoratori vivono, ancora, sotto la soglia di povertà dei 2 dollari al giorno, specialmente nei paesi in via di sviluppo. In questo scenario – aggiunge Bellanova – a farne maggiormente le spese, purtroppo, sono i ‘soliti noti’: giovani, donne ed i cosiddetti ‘lavoratori vulnerabili’ per i quali, attualmente, non si intravede una concreta via di uscita”. “E’ necessario coordinarsi e ripartire dal rilancio delle politiche economiche, finanziarie e sociali. Il Pd – continua – lo ha già detto il 5 novembre, in occasione della manifestazione nazionale: per evitare le crisi occorre crescere un po’ tutti, ciascuno nel suo paese senza diseguaglianze sociali indecenti. Guardare di nuovo all’economia reale, alle persone e alle cose, ai beni comuni e ai valori delle società. Ma soprattutto restituire al lavoro il ruolo centrale che ha nei dettami della nostra Costituzione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!